Loading...

Dipendenza da smartphone: è realtà?

La tecnologia fa parte della nostra vita più di qualunque altra cosa, essa è un tratto distintivo della nostra epoca. E’ utile e vantaggiosa e di sicuro ha reso (e rende) migliore la nostra esistenza.

Ma capita spesso che l’estrema diffusione capillare della tecnologia, penetri e invada una parte importante della nostra vita reale, sovrastandola e spesso sovrapponendosi ad essa.

Lo smartphone è una sorta di chiave che apre nuovi mondi, rendendoli a portata di mano e sempre disponibili. Ha sostituito un’infinità di oggetti: ricettari, agende, calcolatrici, dizionari.

E’ facilmente trasportabile e ci segue ovunque. In genere è il primo oggetto che viene preso in mano al mattino e l’ultimo ad essere abbandonato (quando succede) alla sera.

Sintomi della dipendenza

L’uso costante e continuativo dello smartphone, il bisogno accanito di controllare le notifiche e rispondere ad esse (anche appena svegli), l’ignorare le persone “reali” durante una conversazione.

Inoltre, sentirsi assolutamente preoccupati se il telefono è scarico o privo di connessione. Sono tutti elementi che fanno pensare ad una vera e propria dipendenza da smartphone.

La dipendenza da smartphone, come la maggior parte delle dipendenze, ha diverse entità a seconda della frequenza con cui si presentano i “sintomi” sopra elencati.

Cure e rimedi

Come per tutte le dipendenze, il primo passo è ammettere di avere un problema. Rendersi conto di fare un uso errato dello smartphone può innescare tutta una serie di validi comportamenti migliorativi .

Esistono delle app che permettono di monitorare quante volte controlliamo il telefono, per quanto tempo restiamo connessi e quali applicazioni siamo soliti utilizzare maggiormente.

Naturalmente l’arma migliore per questo tipo di dipendenza è il BUONSENSO: sarebbe sufficiente spegnere il telefono durante la notte e prenderlo in mano almeno mezz’ora dopo il risveglio.

Per “salvare” le nostre interazioni umane, invece, è utile lasciare il telefono in un’altra stanza quando si è in compagnia. Stabilire dei tempi per controllare le notifiche ricevute, e quando possibile disattivarle.

Consapevolezza e organizzazione possono aiutarci nell’uso corretto di un oggetto che per sua natura è utile e divertente. Ma è necessario essere vigili e attenti.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© 2022 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons