Loading...

Bimbi in casa e DAD: come aiutarli a seguire le lezioni?

La pandemia, come ben sappiamo, ha rivoluzionato molti aspetti della vita quotidiana, tra cui il modo di fare scuola.

L’espressione didattica a distanza (o semplicemente DAD) è diventata di uso comune insieme a lockdown o smartworking.

Per arginare la diffusione del virus, il governo ha imposto per alcuni mesi questo nuovo sistema di lezioni online, in sostituzione delle classiche “in presenza”. La DAD ha creato spesso problemi per gli insegnanti, per i genitori e soprattutto per gli alunni.

In questo articolo vogliamo creare una piccola guida per i genitori alle prese con la didattica a distanza e suggerire degli spunti per stimolare l’apprendimento dei propri figli.

Come si possono aiutare i bambini durante la DAD? Alcuni consigli

Il primo passo importante sta nella scelta del luogo in cui il bambino seguirà le lezioni. Idealmente è necessaria una stanza isolata, silenziosa e ben illuminata, come una cameretta o uno studio.

La situazione si complica quando la casa è troppo piccola o ci sono più figli nella stessa condizione. In questo ultimo caso si può usare la camera a giorni alterni.

Quando il bambino si collega dalla cucina o dal salotto, cercate di non disturbarlo anche se vi trovate nello stesso posto: non passategli avanti o dietro continuamente, togliete la suoneria al telefono e fornitegli degli auricolari in modo che possa ascoltare attentamente ciò che viene detto durante la lezione senza distrazioni.

Mantenere delle sane abitudini

In questo particolare frangente, provate a non alterare troppo la routine pre-Covid del bambino: non dovrà alzarsi cinque minuti prima della lezione, ma deve avere il tempo di svegliarsi, fare colazione, lavarsi e vestirsi. Evitate categoricamente di tenerlo in pigiama.

Per quanto riguarda il tempo libero, favorite l’attività sportiva, possibilmente all’aperto, oppure hobby creativi come la pittura, le costruzioni lego o i puzzle. Eliminate o riducete al minimo l’ora dei videogames, dato che passa già troppe ore davanti ad uno schermo.

Anche l’alimentazione gioca un ruolo importante in questa fase. È importantissimo fornire il giusto apporto calorico e di energie per affrontare le giornate di studio. Fate a meno di preparare cibi troppo grassi che appesantiscono inutilmente il bambino.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2021 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons