Loading...

Figlio adolescente che vuole un tattoo: come comportarsi?

È arrivata la difficile età dell’adolescenza. I ragazzi e le ragazze oramai al liceo crescono a vista d’occhio. Cambia non solo il loro corpo, ma anche la loro mente.

Diventano decisamente più esuberanti e le marachelle si fanno più preoccupanti per i genitori. La maggiore libertà acquisita spinge gli adolescenti di casa a sentirsi forti e pronti ad affrontare tutto.

Ma spesso e volentieri il permesso dei genitori serve per ottenere ciò che desiderano. Come i tattoo ad esempio. Un minore non può assolutamente farlo senza il genitore, ma come bisogna comportarsi?

Il tattoo: temuto da alcuni genitori

Alcuni genitori temono l’arrivo del momento in cui ai figli verrà voglia di tatuare la pelle. Non tutti gli adolescenti lo desiderano, ma alcuni non vedono l’ora. E i genitori cosa devono fare?

Dipende. La prima cosa da fare è parlarne, per capire se l’adolescente ha ben chiaro cosa significhi farsi un tattoo, indelebile sulla pelle. Poi bisogna capire se si è favorevoli o meno a dare l’assenso.

Se, come genitore non hai problemi e pensi che tuo figlio sia abbastanza maturo, procedi come credi, sempre valutando rischi e possibili conseguenze con cura e attenzione.

Se invece non vuoi proprio che tuo figlio proceda, cerca di non iniziare una lite furiosa, magari arricchita da senso di colpa e piccoli ricatti psicologici. Cerca di mediare, di discutere con calma e di trovare una soluzione pacifica.

Parlare dei tattoo: cosa fare in caso di un no

Hai deciso per il no, quindi siediti con tuo figlio o tua figlia e inizia a parlare con calma delle tue perplessità e del perché pensi che non sia il momento. Probabilmente i ragazzi si indispettiranno, ma non perdere la pazienza.

Prosegui parlando con un tono calmo e sicuro, ribadendo le tue ragioni senza prevaricare le opinioni del giovane. Vedrai che probabilmente riuscirai a trovare una via di uscita.

Potresti riuscire addirittura a convincere l’adolescente ad aspettare, portando avanti tesi sensate e ragionevoli. Il dialogo è sempre la chiave migliore per la risoluzione dei conflitti o per trovare compromessi.

Armati di pazienza e ce la farai! Anche gli adolescenti ascoltano i propri genitori!

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2021 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons