Loading...

Sindrome di Asherman: la guida. Prima parte

La sindrome di Asherman è un disturbo che causa la formazione di aderenze nell’utero. Le aderenze possono anche portare ad amenorrea e ad altre conseguenze anche molto dolorose.

Si tratta di una sindrome che si può curare chirurgicamente e se presa in tempo non è un impedimento per il concepimento. Vediamo ora di conoscerla meglio.

Che cos’è

La sindrome di Asherman causa la formazione di aderenze intrauterine in genere provocate da delle cicatrici che si sviluppano a causa di una infezione particolarmente aggressiva o dopo un intervento chirurgico all’utero.

I sintomi più comuni della sindrome sono l’amenorrea, gli aborti multipli e nei casi peggiori può verificarsi anche infertilità. Per fortuna la sindrome di Asherman è una condizione rara e può presentarsi in tre stadi diversi ovvero grave, media e lieve.

Le donne che hanno subito varie procedure chirurgiche e/o dilatazioni sono più a rischio anche a causa dell’aumentato pericolo di infezione pelvica a seguito di un intervento chirurgico.

La sindrome è causata da un trauma dell’endometrio da aborto o raschiamento, soprattutto se ripetuto, altre cause sono l’endometrite (infiammazione dell’endometrio) e infezioni pelviche da intervento chirurgico o da altri interventi per rimuovere eventuali fibromi o polipi.

La Sindrome di Asherman si definisce grave quando le pareti uterine sono letteralmente addossate l’una all’altra, si definisce media se le aderenze sono estese ma non interessano completamente le pareti e lieve se le aderenze si verificano in una piccola parte dell’utero.

Conseguenze della sindrome

La sindrome causa un disturbo che non va sottovalutato dato che può causare gravi problemi come numerosi aborti o infertilità. Nella maggior parte delle pazienti colpite le mestruazioni sono molto scarse o addirittura assenti a causa dell’ostruzione.

Nei casi meno gravi i cicli sono normali, ma se la sindrome viene trascurata i sintomi possono peggiorare, per questo la prevenzione è necessaria. Se non hai mestruazioni ma senti dolori ogni mese in corrispondenza del periodo del ciclo, consulta il medico.

Il dolore potrebbe essere sintomo che la mestruazione sta realmente avvenendo ma che il sangue non riesce a fuoriuscire a causa della presenza di aderenze che occludono la cervice. Se senti dolore anomalo contatta il medico.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2021 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons