Loading...

Aborto: quali sono i costi?

abortoL’aborto è un’evenienza che può essere determinata da diversi fattori, che non andremo ad indagare in questo articolo, che non ha, tra le altre cose, la volontà e l’obiettivo di giudicare l’aborto e chi lo compie.

Parleremo però di costi, anche quando questi, come nella maggior parte dei casi, questi non sono assolutamente a carico del paziente, ma piuttosto invece a carico del Sistema Sanitario Nazionale.

Quanto costa un aborto? Vediamolo insieme.

Pagato dal Sistema Sanitario Nazionale

Nel caso in cui l’aborto dovesse avvenire presso struttura pubblica, l’aborto è assolutamente gratuito. Ricordiamo che secondo il nostro ordinamento, infatti, che l’aborto è un diritto in quanto è accordato esclusivamente a quelle donne che, dalla maternità o dal proseguo della gravidanza potrebbero avere gravi ripercussioni, di carattere fisico, psicologico o economico.

Il nostro ordinamento dunque riconosce un diritto all’aborto in casi limitati dalla legge e nel caso in cui ci si trovi all’interno di questi casi, si potrà da un lato procedere e dall’altro si sarà sicure di non pagare assolutamente nulla per questo tipo di intervento.

Diverso invece il discorso per quanto riguarda i costi dell’aborto per il sistema.

Secondo le tabelle diffuse dalle aziende sanitarie regionali, un aborto costa tra i 1300 e i 2000€ ad ogni regione, costi che sono alti in quanto, nonostante si tratti di un’operazione relativamente semplice, coinvolge comunque diversi professionisti e prevede diversi esami.

E nelle cliniche private?

Dato che il sistema pubblico vede sempre di più medici obiettori, che si rifiutano di portare a termine aborti, sempre più coppie si rivolgono a strutture private per l’aborto.

In Italia è legale, anche se serve comunque il nullaosta del consultorio. Una volta ottenuto ci si reca in clinica e si riceve, almeno a livello di tipologia, lo stesso medesimo intervento che si riceverebbe in una struttura pubblica.

Qui i costi, a seconda della struttura, oscillano tra i 1200 e i 2.500€, somme dunque molto vicine ai costi di una struttura pubblica, che però vengono sostenuti dal SSN. La scelta di una clinica privata è spesso obbligata, soprattutto in alcune zone dove nelle ASL la percentuale dei medici obiettori può superare anche l’80%, rendendo di fatto impossibile procedere con l’interruzione di gravidanza.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons