Loading...

Anemia in gravidanza: che fare?

anemiaDurante la gravidanza il corpo della futura mamma va incontro ad una lunga serie di cambiamenti per favorire il corretto sviluppo del bambino che porta in grembo.

Tra questi cambiamenti abbiamo anche quelli che riguardano i livelli del ferro, più precisamente si può verificare una condizione di anemia. Ma si tratta di una cosa di cui preoccuparsi?

Oggi vedremo insieme come si manifesta l’anemia in gravidanza e come va trattata.

Anemia in gravidanza

Prima di tutto c’è da dire che l’anemia durante il periodo della gravidanza è molto comune e non c’è assolutamente da preoccuparsi perché basta adottare alcuni accorgimenti per alleviare il problema.

L’anemia colpisce un gran numero di future mamme, circa il 40% e, se anche tu ne sei affetta e stai aspettando un bambino, non hai nulla di cui preoccuparti.

Si tratta di un disturbo che insorge soprattutto tra il secondo ed il terzo trimestre, in quanto la maggior parte del ferro che viene assimilato dalla madre serve al bambino per un corretto sviluppo. In pratica aumenta il fabbisogno di ferro della gestante.

L’anemia può indebolire il corpo della madre e interferire con l’ossigenazione del feto, per questo, anche se non c’è da allarmarsi, il problema non va sottovalutato. Andiamo quindi a vedere come si riconosce l’anemia in gravidanza.

Come facciamo a riconoscere l’anemia in gravidanza?

Per poter riconoscere l’anemia durante la gravidanza, sarebbe opportuno conoscerne i sintomi che sono principalmente i seguenti:

  • Un certo pallore della pelle;
  • Mal di testa;
  • Irritabilità;
  • Tachicardia;
  • Difficoltà nel concentrarsi;
  • Vertigini;
  • Sensazione di stanchezza e debolezza;
  • Lieve dispnea;
  • Diminuzione della temperatura corporea;
  • Dolore al torace;
  • Pallore delle labbra;
  • Intorpidimento delle mani e dei piedi.

Come possiamo intervenire in caso di anemia?

Normalmente, per soddisfare il fabbisogno di ferro della donna in dolce attesa, sarebbe sufficiente seguire una dieta sana ed equilibrata, che contenga la giusta quantità di cibi che siano ricchi di questo minerale.

Tra questi alimenti, ricordiamo soprattutto i seguenti:

  • Le verdure a foglia verde;
  • Il pesce;
  • La carne rossa;
  • I cereali;
  • Le uova;
  • I legumi.

Se la situazione si aggrava, però, ad esempio a causa di un’alimentazione scorretta, sarebbe opportuno rivolgersi al medico per farsi indicare gli integratori alimentari più adatti alla situazione.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons