Loading...

Appendicite in gravidanza: come riconoscere i sintomi?

appendiciteRiconoscere l’appendicite durante la gravidanza è difficile. Questo perché molti dei sintomi dell’infiammazione dell’appendice, in realtà, si confondono con quelli che sono propri di una gestazione in corso.

Vediamo insieme come individuare una potenziale appendicite e, cosa più importante, quando rivolgerci per aiuto o diagnosi al nostro medico.

Il dolore

Il dolore dell’appendicite in genere si avverte, almeno in principio, intorno al nostro ombelico. Successivamente prosegue verso il basso, fino a posizionarsi definitivamente nella zona tra l’ombelico e l’anca, a circa 2/3 in direzione anca, come potete vedere dal disegno che abbiamo allegato.

Se proverete a sdraiarvi piegate sul lato destro, finirete sicuramente per avvertire dolore più intenso, mentre rimanendo in piedi la fase di dolore acuto dovrebbe sopirsi.

  • Chi si trova però nel terzo trimestre di gravidanza potrebbe avvertire il dolore dell’appendicite in un punto leggermente più alto, dato che l’aumento di dimensioni della pancia e dell’utero spingeranno l’appendice, appunto, a posizionarsi più a ridosso dell’ombelico.

La febbre

In genere l’appendicite si accompagna anche ad una febbre alta, superiore ai 38°. Per questo motivo, in presenza di dolore nella zona che abbiamo sopra indicato, accompagnato da una febbre alta, potremmo essere quasi sicure di essere state colpite da appendicite e non da altra patologia.

La febbre è un po’ la prova del nove che ci permette di distinguere, con certezza quasi assoluta, che quello che sta avvenendo nel nostro corpo è un’infiammazione dell’appendice e non altro.

Altri sintomi

L’appendicite può causare anche altri tipi di sintomi, come:

  • Sudorazione eccessiva, anche fredda;
  • Nausea;
  • Sensazione di vomito;
  • Inappetenza;
  • Vertigini;
  • Bruciore che si localizza sempre di più nel punto nevralgico che vi abbiamo indicato poco sopra.

In presenza di questi sintomi è necessario rivolgersi immediatamente al medico curante, perché anche nel caso in cui non si trattasse di appendicite, dovremo comunque individuare le cause del problema.

La visita dal medico

La visita dal medico può essere piuttosto fastidiosa in certi frangenti, ma è assolutamente necessaria per permettergli di prendere le dovute contromisure nei confronti della patologia.

La visita prevederà degli esami, delle palpazioni, delle rotazioni dell’anca che saranno i primi test diagnostici per individuare la possibile appendicite.

Anche le analisi del sangue possono essere indicate per ravvisare la presenza o meno di appendicite, motivo per il quale, nel caso in cui il medico dovesse prescriverle, non dovrete stupirvi.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons