Loading...

Atarax: si può usare in gravidanza?

AtaraxChe cos’è l’Atarax? E’ un antistaminico o un antipsicotico? A cosa serve? Quando viene prescritto l’Atarax? Una futura mamma potrebbe assumere questo farmaco durante i nove mesi della gravidanza? E durante l’allattamento? Ci sono dei rischi?

Quando una donna è incinta viene afflitta da tantissimi dubbi che solo il medico può risolvere. Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande sull’Atarax, vedendo se ci sono dei rischi se lo si assume durante la gravidanza o durante il periodo di allattamento.

Che cos’è Atarax? A cosa serve?

L’Atarax spesso potrebbe essere causa di confusione, soprattutto per quanto riguarda lo scopo di questo medicinale. Infatti alcuni pensano che si tratti di un semplice farmaco psicotropo, altri, invece, lo usano come antistaminico per il trattamento di reazioni allergiche.

Le condizioni più comuni in cui viene prescritto questo farmaco sono le seguenti:

  • Trattamento di stati di agitazione quando ci sono delle urgenze;
  • Dermatite e prurito allergici;
  • Trattamento di pazienti dopo interventi chirurgici;
  • Trattamento di stati ansiosi;
  • Trattamento di nausea e vomito post operatori;
  • Preparazione ad un intervento.

Visto che si tratta di un farmaco largamente utilizzato per il trattamento di allergie grazie alle sue proprietà sedative, ha trovato largo uso anche per il trattamento di stati d’ansia, anche quando sono associati a determinate condizioni psichiatriche.

Una donna incinta può assumere l’atarax?

L’idroxizina, ossia il principio attivo dell’atarax, è una sostanza in grado di attraversare la placenta della gestante, raggiungendo, quindi, il feto e procurandogli dei problemi.

Di conseguenza, l’assunzione dell’atarax è controindicata durante i nove mesi della gestazione. Quindi i medici consigliano di sospendere l’assunzione di questo farmaco durante la gravidanza, qualsiasi sia lo scopo.

Infatti, nel caso in cui le gestanti hanno continuato ad assumere questo farmaco, si sono verificate nei neonati le seguenti condizioni:

  • Ipotonia;
  • Disturbi extrapiramidali;
  • Ritenzione urinaria;
  • Depressione del sistema nervoso centrale;
  • Movimenti clonici;
  • Disturbi del movimento.

E’ necessario sospendere l’atarax durante l’allattamento?

Anche per quanto riguarda il periodo di allattamento, i medici consigliano alle mamme di sospendere tassativamente l’assunzione dell’atarax. Questo accade perché, così come per la placenta, l’idroxizina può essere trasmessa al bambino con il latte materno, causandogli dei problemi anche gravi.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons