Loading...

Autismo: 8 cose che i bambini sperano che voi sappiate.

 autismo-8-guideSolo chi sta vicino ad un bambino che soffre di autismo sa realmente quanto difficile sia comunicare con loro.  I bambini autistici presentano diverse difficoltà, come ritardi linguistici, menomazioni, problemi di elaborazioni sensoriali e sfuggenti abilità di interazione sociale.

Ma nonostante questo, loro sono esseri pensanti, provano emozioni proprio come noi. Ed è per questo che, Mamma Perfetta vogliamo darvi una mano. Eccovi 8 cose autistico si augura che voi sappiate.

– Sono un bambino. L’autismo è una parte di loro, non rappresenta interamente ciò che sono. Potrete, a prima vista, vedere che magari porta gli occhiali, che è in sovrappeso, che i suoi movimenti non sono coordinati ma se vi fermerete all’apparenza, non saprete mai chi sono veramente.

Nè voi, nè loro sanno con precisione di cosa sono capaci, quindi dategli un’occasione, fateli provare, in fondo “ sbagliando si impara “.

– I miei sensi non sono sincronizzati. Molti luoghi che a voi potrebbero sembrare ordinari, a loro potrebbero apparire ” pesanti “.

Anche una semplice passeggiata ad un negozio di alimentari può risultargli straziante: segnali acustici, persone che tossiscono o parlano contemporaneamente, altoparlanti di ogni genere…

Tutto sembra muoversi e fluttuare nell’aria e questo può causare loro una forte nausea. Se nel contesto sono presenti troppi ” elementi “, non si sentiranno a loro agio perchè non riusciranno a metterli a fuoco tutti insieme.

Ecco perchè potranno apparirvi nervosi, ma in realtà stanno tentando soltanto di difendere se stessi da tutta quella baraonda.

– Non c’è distinzione tra “non si può” e “non si deve”. Non sono loro che non vogliono ascoltare ciò che gli dite, è solo che non riescono a capirvi. Tutto quello che dite, arriva a loro come un segnale indecifrabile, incomprensibile. Soltanto con la pratica linguistica, impareranno ad associare le rispettive parole ai relativi oggetti.

– Sono un pensatore concreto. Se per parlare al vostro bambino autistico, usate delle metafore, dei giochi di parole o degli idiomi, state sbagliando di grosso. Loro interpretano la lingua letteralmente.

– Cercate di capire in tutti i modi quello che voglio comunicarvi. E’ difficile spiegarvi di cosa hanno bisogno, dal momento che non riescono a trovare un modo per esprimere i loro sentimenti.

Possono aver fame, possono essere spaventati o confusi, non importa. Potrebbero avere difficoltà a comunicarvelo. Per questo bisogna che stiate attenti a qualsiasi cosa faccia, al loro linguaggio del corpo, al mondo in cui si agitano.

Saranno questi segnali a farvi capire cos’è che non va. Loro hanno già fatto il primo passo verso di voi, si stanno sforzando di capire il vostro linguaggio, di memorizzarne i suoni, fate lo stesso anche voi.

– Aiutatemi nella pratica. Mostrate loro come fare qualcosa, non cercate di spiegare. Se sarete pazienti nel mostrargli costantemente la pratica, vedrete che impareranno.

Le parole evaporano in un istante, prima ancora di provare a dare un senso a ciò che vedono. Solo le istruzioni e le informazioni presentategli visivamente, potranno rimanere davanti a loro per piu’ tempo ed essere memorizzate più in fretta.

– Aiutatemi a socializzare.  Se portate vostro figlio al parco a giocare insieme agli altri bambini, potrà sembrare, inizialmente, che non voglia giocare, ma non è così.

E’ solo che non sa come iniziare una conversazione o come unirsi al loro gioco. Insegnategli a giocare con gli altri, incoraggiatelo, gli piacerà essere incluso.

– Amatemi incondizionatamente. Non è stata una loro scelta quella di nascere autistici. Senza il vostro sostegno, non avranno possibilità di crescere, nè di diventare autonomi.

Solo una parola deve riecheggiare nella vostra mente: Pazienza. Fate in modo che il loro autismo risulti una sorta di capacità e non un handicap. Guardate oltre, scoprite i loro punti di forza.

Tutto ciò che potranno diventare, sta solo a voi. Voi siete la loro guida, il loro avvocato, il loro amico, il loro padre, voi, per loro, siete tutto il loro mondo.

 

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons