Loading...

Bambini e videogiochi: a che età si può cominciare?

bambini e videogiochiI videogiochi sono ormai il gioco più ambito da tutti i bambini e tutti, per Natale o per il compleanno, chiedono proprio di ricevere in dono una console o una piccola unità portatile.

Ma quando è il momento giusto per avvicinare i bambini ai videogiochi?

E’ importante valutare bene questo momento perché farlo troppo prematuramente potrebbe causare dei danni al naturale sviluppo del nostro bambino.

L’età giusta

Prima dei 5 anni è meglio evitare l’uso dei videogames, in quanto il cervello del bambino è in fase di crescita ed è meglio prediligere altre attività.

Si può fare una eccezione per quei videogiochi pensati proprio per i bambini dai 3 a i 5 anni, che non presentano immagini che cambiano troppo velocemente e che sono concepiti proprio per lo sviluppo del bambino in quella fascia d’età.

Cosa fare se il bambino insiste prima dei 5 anni

Se vostro figlio continua ad insistere e a fare i capricci perché vuole un videogioco, potete intervenire comprando dei giochi elettronici educativi.

Le grandi case produttrici di giochi per bambini (ad esempio la Clementoni) hanno realizzato dei tablet per bambini, che includono giochi educativi che stimolano la crescita e l’apprendimento.

Anche le App per smartphone guardano con attenzione crescente al mondo dei bambini: su AppStore e su Google Play sono ormai presenti diversi giochi in grado di aiutare il bambino nel percorso della crescita, che possono sicuramente essere usate con parsimonia.

Gli aspetti positivi e negativi dei videogiochi

L’uso eccessivo e prolungato dei videogiochi potrebbe danneggiare la salute e l’educazione dei bambini, soprattutto nel caso in cui vengano acquistati videogiochi non adatti alla sua età, che potrebbero:

  • Insegnare un linguaggio diseducativo
  • Danneggiare la postura
  • Danneggiare la vista
  • Stimolare l’aggressività.

Se il videogame acquistato è adatto invece un bambino potrebbe beneficiarne a lungo andare. Secondo alcune ricerche, l’uso costante dei videogiochi (di mezz’ora al giorno) contribuisce a:

  • Stimolare la capacità di prendere decisioni
  • Riuscire ad utilizzare al meglio l’ambiente circostante
  • Migliorare le informazione visive e auditive
  • Stimolare il cervello, contribuendo ad aumentare il quoziente intellettivo.

La cosa migliore da fare sarebbe quella di documentarsi preventivamente sul titolo che il bambino richiede, in modo tale da evitare problemi in fase di gioco.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons