Loading...

Bambino indaco: la bufala della New Age

indacoAl giorno d’oggi esistono migliaia di teorie più o meno credibili sui più disparati argomenti, basta seguire qualche programma pseudo scientifico per rendersi conto di quante strane opinioni circolino di questi tempi.

Una delle teorie infondate di cui parlavamo nel paragrafo precedente riguarda i bambini indaco. Quella dei bambini indaco è una teoria riguardo l’esistenza di bambini 2.0 con caratteristiche superiori rispetto ad altri bambini.

Il termine nacque nella cultura New Age degli anni 70′ e fu coniato dalla parapsicologa Nancy Ann Tappe. Solo alla fine degli anni 90′ il termine acquisirà la sua fama odierna grazie al libro chiamato ”The Indigo Children” scritto da Lee Carroll e Jan Tober.

Bambino indaco: le caratteristiche

Secondo la teoria pare che i bambini indaco abbiano una serie di poteri più sviluppati, tra cui:

  • Empatia;
  • Forza di volontà;
  • Creatività;
  • Telepatia;
  • Capacità di parlare con gli angeli;
  • Chiaroveggenza.

Secondo gli autori del libro ”The Indigo Children”, anche i bambini affetti da ADHD sarebbero bambini indaco. Questa idea potrebbe convincere dei genitori a trascurare una patologia reale e a giustificarla come superiorità propria del bimbo.

In più diciamoci la verità, non è difficile rendersi conto che una teoria presa da un romanzo o inventata da una parapsicologa senza dimostrazioni scientifiche non si del tutto attendibile.

I dubbi

Ovviamente qualsiasi genitore potrebbe credere che il proprio sia un bambino indaco, ovviamente perché per qualsiasi genitore il proprio bimbo è più speciale rispetto agli altri. Beh la notizia, seppur dura da accettare, è la seguente: tutti i bambini sono speciali, per questo nessuno lo è più degli altri.

In più pompare un bambino con l’idea che sia migliore degli altri senza dimostrare nulla, potrebbe essere dannoso per la personalità del piccolo e anche discriminatorio nei confronti di altri bambini.

Quindi non appoggiatevi a teorie senza fondamento scientifico e apprezzate davvero vostro figlio per le qualità che possiede, qualsiasi esse siano, senza forzare troppo la mano e senza volare troppo con la fantasia e le pretese.

Basti pensare a quello che diceva Albert Einstein: “Ognuno è un genio. Ma se si giudica un pesce dalla sua abilità di arrampicarsi sugli alberi, lui passerà tutta la sua vita a credersi stupido”.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons