Loading...

Bambino oppositivo una guida alla soluzione del problema

bambino oppositivoVostro figlio ha difficoltà a socializzare? E’ spesso richiamato dagli insegnanti che si lamentano del suo comportamento?

Tra il 5 e il 10% dei bambini che si trovano nella fascia d’età 6-12 anni sono affetti dal Disturbo Oppositivo Obbligatorio.

E’ un disturbo comportamentale che riguarda il modo di agire del bambino e il suo modo di relazionarsi con gli altri.

Vediamo insieme come comportarsi nel caso in cui il vostro figlio abbia questo problema.

1. Chiedere aiuto ad un esperto

In questi casi è meglio agire tempestivamente, per risolvere il più velocemente possibile il problema.

Alcune famiglie tendono a negarlo, in quanto ammetterlo significherebbe, per alcuni, riconoscere un fallimento genitoriale.

Dopo la ripetute segnalazioni della scuola richiedete l’intervento dell’Asl e dei servizi sociali, che forniscono un consulente esperto che possa seguire il bambino e iniziare un lavoro di recupero.

Se la diagnosi finale certifica un coportamento patologico, il bambino avrà diritto ad un piano educativo personalizzato e anche ad un insegnante di supporto.

2. Collaborazione tra le parti

E’ importante che si alimenti una forte rete collaborativa tra scuola, famiglia e servizi sociali.

Solitamente questa collaborazione è fatta mediante il complilamento di schede di osservazione, che vengono consegnate sia alla scuola che alla famiglia dai servizi sociali, al fine di monitorare i miglioramenti.

Il bambino deve essere a conoscenza del fatto che qualcosa si sta muovendo per aiutarlo, anche perché potrebbe essere uno spunto per farlo riflettere.

3. Ambiente famigliare

Il genitore deve fare in modo di far vivere il bambino in un ambiente familiare sereno e deve richiedere ai servizi sociali delle linee guida strutturate e specifiche per la risoluzione dei problemi.

Cercando di riconoscere il fatto che probabilmente i metodi educativi usati in precedenza non hanno avuto l’effetto desiderato.

Il bambino deve percepire un modello educativo che sia continuativo e sempre valido in ogni ambiente sociale e che possa pian piano interiorizzare.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons