Loading...

Banchi separati: come spiegarlo ai piccoli

Una delle tante difficoltà che questa pandemia ci sta mettendo davanti è spiegare ai bambini il comportamento giusto da tenere, ma soprattutto motivare alcune scelte che ai loro occhi possono sembrare insensate e ingiuste.

Il ritorno a scuola è stato scandito da nuove regole: uso della mascherina, percorsi segnati a terra, ingressi e uscite scaglionati, ricreazione da fare al banco e molte altre realtà.

Distanza e comunicazione

I piccoli si sono dimostrati ampiamente all’altezza delle aspettative adattandosi perfettamente alla situazione e mantenendo la loro naturale attitudine alla solarità.

Più che l’impossibilità di vedere il sorriso dell’amico nascosto, o il divieto di prendersi per mano, fare la lotta o abbracciarsi, pesa loro la vista di quei banchi così lontani tra loro.

La vicinanza fisica a scuola è segno e simbolo di fratellanza, di unione che consente di superare le difficoltà. Le chiacchiere durante la lezione, i suggerimenti, lo scambio di bigliettini…

La distanza sembra voler ostacolare questo flusso comunicativo ed emotivo che si crea naturalmente ed in modo del tutto spontaneo.

Un altro punto di vista

Se da una parte il distanziamento tra i banchi rappresenta una divisione imposta ai bambini, è possibile mostrare loro anche un nuovo e più positivo punto di vista:

Il distanziamento tra i banchi permette di mettere tutti gli studenti nelle stesse condizioni. Non si creano alleanze o conflitti e tutti sono in qualche modo “indipendenti”.

Per far comprendere ai bambini questo concetto è possibile fare leva sull’idea di comunità, in cui tutti partecipano dando lo stesso prezioso contributo ma in maniera autonoma.

E’ inoltre utile mostrare ai piccoli quanto sia più facile e agevole uscire dalla classe “muovendosi come pesciolini tra le isole”.

Ultimo vantaggio da mostrare ai piccoli è l’aspetto realistico e vera causa della scelta: la sicurezza. La distanza tra i banchi limita la possibilità di contagio e li tiene al sicuro.

I bambini hanno già ampiamente compreso quanto la situazione sia seria, per cui è insensato non essere sinceri con loro.

Si sono adattati alle regole e le hanno interiorizzate; se c’è qualcuno che ha qualcosa da insegnare, sono sicuramente loro.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© 2022 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons