Loading...

Bruciori vulvari: come curarli e come trattarli

bruciori vulvariIl bruciore è un disturbo femminile molto comune e fastidioso. Ha svariate cause, ma comunemente si verifica a seguito di un’infezione, irritazione o stato infiammatorio.

Nella nostra guida di oggi cercheremo di scoprire cos’è il bruciore vulvare e quali sono le cause principali.

Bruciore vulvare: cos’è

Il bruciore potrebbe essere causato da varie cause, come:

  • Reazioni irritative;
  • Modifiche dell’ecosistema vaginale;
  • Alterazioni a livello degli ormoni;

Il bruciore può comparire durante i rapporti sessuali o durante la minzione a causa dello sfregamento o dell’azione dell’urina. Al bruciore si possono associare anche doloreeritema, prurito e perdite vaginali.

Cause del bruciore

Le cause tipiche del bruciore possono essere:

  • Vaginite ovvero un’infiammazione della vagina;
  • Gardnerella vaginalis;
  • Candida albicans;
  • Herpes simplex;
  • Alterazioni della flora batterica;
  • Reazioni di ipersensibilità.

Anche ricorrere eccessivamente ai detergenti intimi, alle lavande o agli spray igienici può aumentare il rischio di soffrire di bruciore. Detersivi e ammorbidenti, lattice, abiti attillati e indumenti di materiale sintetico possono causare bruciore.

Anche umidità, sabbia e assorbenti igienici possono essere causa di bruciore. In alcuni casi il bruciore potrebbe essere il segnale di un’infezione sessuale, come:

  • Clamidia;
  • Herpes genitale;
  • Gonorrea;

Altre cause del bruciore possono essere:

  • Menopausa;
  • Parto;
  • Gravidanza;
  • Allattamento;
  • Asportazione chirurgica delle ovaie o chemioterapia che interferiscono con gli ormoni;

Segni e diagnosi

I sintomi associati tipicamente al bruciore sono:

  • Sensazione di bruciore durante la minzione;
  • Bruciore dopo o durante i rapporti sessuali;
  • Bruciore da contatto;

La diagnosi avviene in seguito di esami dei campioni delle secrezioni vaginali prelevati in ambulatorio tramite un tampone.

Cura e terapia

Le cause sono varie e lo è anche la terapia. Per una vaginite batterica bisogna seguire una terapia con antibiotici. Per le infezioni da funghi si segue una terapia con farmaci antimicotici. In caso di allergie bisogna smettere di usare la sostanza sensibilizzante e rivolgersi ad un allergologo.

Ci sono anche buone norme per ridurre il rischio di bruciore:

  • Evitare di utilizzare troppe lavande o di lavarsi troppo aiuta a guarire;
  • Utilizzare abiti chiari, traspiranti e di cotone aiuta a migliorare velocemente e a minimizzare il rischio di nuove infezioni;
  • Tenere la parte ben asciutta abbassa il rischio di infezioni fungine.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons