Loading...

Che cos’è il capoparto e quando arriva

capopartoL’utero e il corpo della donna dopo il parto subiscono numerose modifiche finalizzate a ripristinare la condizione precedente la gravidanza. Cerchiamo di capire insieme cos’è il capoparto e quando arriva.

Solo dopo sei settimane dall’espulsione del bambino, l’utero torna alla sua forma e dimensione normale. Nel periodo in cui l’utero cerca di ripristinare la normale condizione, appaiono le cosiddette lochiazioni, ovvero perdite di sangue e altri materiali che sono sintomo del ritorno dell’utero alle funzioni normali che aveva prima della gravidanza.

Per capoparto si indica in genere il primo ciclo mestruale che compare dopo il parto. Di solito finché una donna sta allattando, il ciclo mestruale dovrebbe non presentarsi perché la prolattina (ormone che aiuta la lattazione) ferma l’ovulazione. A volte il ciclo mestruale riappare anche durante l’allattamento. Solitamente più si allatta, più il ciclo si posticipa, ma non ci sono regole precise.

Comunemente le donne che allattano al seno per lunghi periodi non presentano il ciclo fino a quando non smettono di allattare, donne che invece allattano per un periodo limitato di tempo o che usano anche il latte artificiale, possono tornare ad avere il ciclo dopo qualche settimana.

Il capoparto è un ciclo mestruale abbondante e irregolare, che può arrivare a durare anche dieci giorni ed essere molto doloroso. Dopo il capoparto non sempre il ciclo torna normale e regolare, il corpo ha bisogno di tempo prima di tornare a lavorare e comportarsi normalmente.

La gravidanza e il parto sono uno shock molto forte per il corpo che ha bisogno del giusto tempo per tornare ad essere funzionale come quando non eravate incinte. Attenzione però! Se non avete ancora il ciclo regolare o non si è ancora ripresentato, non vuol dire che in questo periodo siate sterili. Potete comunque rimanere di nuovo incinte.

Nel caso abbiate di nuovo il ciclo, ricordate che non c’è alcun problema ad allattare quando si ha il ciclo mestruale. Non esistono motivi sensati per interrompere l’allattamento al seno a causa del ritorno del ciclo mestruale. Il latte potrebbe avere un sapore diverso e provocare qualche minimo fastidio in più al vostro bambino, ma se interromperete l’allattamento per queste piccole modifiche, farete più male che bene al vostro bambino!

L’allattamento al seno è più importante di qualsiasi paranoia o superstizione (un tempo si sconsigliava di allattare al seno durante il ciclo).

A volte a causa del capoparto, la produzione di latte diminuisce per un periodo, ma se continuate a far attaccare il bimbo al seno regolarmente il corpo ricomincerà a produrre latte normalmente dopo pochi giorni. Cercate sempre e comunque di stare calme e tranquille, vivete al meglio la vostra condizione e ricordate che non siete né le prime né le ultime ad avere un figlio! Potete chiedere consigli al medico se avete dubbi o paure.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons