Loading...

Corpo Luteo Emorragico: cause, sintomi e cura

corpo luteo emorragicoIl corpo luteo emorragico è una patologia non troppo rara, ma ancora poco conosciuta. Se la diagnosi è precoce, la patologia può essere curata per evitare conseguenze gravi.

Prima di addentrarci, cerchiamo di fare un po’ di chiarezza. Ogni volta che una donna ovula, può capitare che noti un piccolo sanguinamento del tutto normale. Non accade a tutte le donne, in genere accade a quelle che presentano follicoli di dimensioni maggiori rispetto alla media.

Se le perdite sono limitate è fisiologico, ma quando la quantità di sangue è piuttosto copiosa per un’ovulazione e il dolore è fastidioso, evidentemente siete a contatto con un problema di corpo luteo emorragico.

Cause e sintomi

Il corpo luteo è il follicolo maturo, che finisce di vivere dopo l’ovulazione. Diventa emorragico quando accumula sangue e, a causa di questo, esplode. È per questo che si notano perdite di sangue e si parla di corpo luteo emorragico.

Le donne che ne soffrono avvertono dolore durante la palpazione della zona addominale e ovarica e provano dolore durante l’ovulazione. I sintomi più comuni della presenza di un corpo luteo emorragico sono:

  • Dolore alla zona pelvica;
  • Indolensimento dei muscoli addominali;
  • Varie altre conseguenze pericolose.

A causa dei problemi provocati dal corpo luteo emorragico, in molti casi le donne che ne soffrono vengono operate urgentemente in laparotomia.

Cura

Una volta ottenuta una diagnosi certa, se la sindrome del corpo luteo emorragico non è troppo grave, si può addirittura curare senza ricorrere ad un intervento chirurgico.

Talvolta è possibile far rientrare l’allarme utilizzando semplicemente farmaci antiemorragici e antinfiammatori. Nei casi peggiori, però, risulta indispensabile intervenire con un’operazione chirurgica.

L’intervento viene spesso eseguito in laparotomia e non è troppo invasivo. Purtroppo troppo spesso le donne che soffrono di questa patologia si trovano a doverci combattere spesso durante la loro vita.

Una volta certi della diagnosi e soprattutto se si è effettuata una diagnosi precoce, si può intervenire con una terapia farmacologica a base di ovariostatici, che possa impedire la formazione del corpo luteo emorragico.

Ad alcune donne non possono essere somministrati gli ovariostatici, ma l’assunzione di antiemorragici e antinfiammatori (da prendersi durante il periodo del’ovulazione) possono riuscire a gestire la sindrome.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons