Loading...

Craniostenosi nel Neonato: sintomi, cure e possibili conseguenze

craniostenosiLa craniostenosi è una malattia molto rara, che prevede la saldatura prematura del cranio del neonato. Il cranio ne risulta modificato nella forma, con il cervello in sviluppo che preme sulla scatola cranica.

Si tratta un problema piuttosto grave, che può essere efficacemente corretto. Vediamo insieme nello specifico di cosa si tratta, come intervenire e di cosa preoccuparsi.

Cosa sono le strutture craniche, perché si suturano?

Il cranio del bambino, alla nascita, non è completamente saldato. Si andrà a suturare successivamente, per dare la forma definitiva al cranio del nostro piccolo. Le suture sono graduali e vanno a completarsi pienamente intorno al terzo anno di età.

Nella craniostenosi questa fusione invece avviene precocemente, durante la fase uterina.

Una o più saldature precoci

In genere quando la saldatura è unica, si tratta di un problema che è meramente estetico, dato che il cranio può modificarsi giocando sul resto delle saldature. Il problema diventa invece importante quando le saldature diventano due o più. I problemi a cui la duplice saldatura può dare luogo sono:

  • Eccessiva pressione endocranica;
  • Problemi di carattere neurologici;
  • Problemi alla vista;
  • Palatoschisi;
  • Labioschisi.

Il livello di gravità della cardiostenosi è comunque relativo non solo a quante strutture si siano saldate, ma piuttosto a quando queste si siano saldate.

Quali possono essere le cause?

Le cause che portano alla craniostenosi sono diverse:

  • Parto prematuro;
  • Peso inferiore alla media (meno di 2,5 kg);
  • Gravidanza gemellare o plurigemellare;
  • Età avanzata del padre;
  • Patologie del metabolismo;
  • Patologie del sangue;
  • Abuso di sostanze teratogene da parte della mamma durante la gravidanza.

Come si cura?

La cura tipica per la craniostenosi è la chirurgia estetica. Va effettuata possibilmente prima del primo anno di età, in genere tra il quarto e l’ottavo mese.

Si interviene rimodellando il cranio, con un intervento relativamente semplice che può da subito sortire effetti estremamente positivi.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons