Loading...

Criptorchidismo: cos’è, come si manifesta e come si cura

testicolo-ritenutoIl criptorchidismo, problema piuttosto comune nei bambini, ma dal nome quasi impronunciabile, si associa semplicemente alla mancata discesa di uno o di tutti e due i testicoli nello scroto.

I testicoli rimangono intrappolati nel canale inguinale o nella cavità addominale e non riescono ad andare nella sede a cui sono destinati.

Purtroppo questo problema, se non monitorato e seguito, può portare a numerose conseguenze durante l’età adulta, come dolori e infertilità.

Incidenza e caratteri fondamentali

Le statistiche parlano di una incidenza del criptorchidismo che arriva fino al 30% dei nuovi nati. Questa anomalia è molto comune e si riscontra molto spesso nei  nuovi nati. Ogni anno nascono almeno ventimila bambini con criptorchidismo solo in Italia.

Più spesso la malattia colpisce un solo testicolo e non entrambi, è molto raro che il criptorchidismo impedisca la discesa di tutti e due i testicoli. I tempi che corrono non aiutano lo sviluppo dei nuovi nati: stress, inquinamento e ormoni non naturali, sono tra le cause del criptorchidismo.

Se non si interviene per tempo e chirurgicamente, il paziente può rimanere affetto dal problema per tutto il resto della propria vita.

Vari tipi di criptorchidismo

Esistono vari tipi di criptorchidismo a seconda della gravità della malattia:

  • Criptorchidismo ectopico, si ha quando il testicolo rimane fermo durante il percorso di discesa nello scroto;
  • Criptorchidismo vero, si manifesta quando il testicolo non è sceso e si trova ancora nella cavità addominale;
  • Criptorchidismo con testicolo retrattile, si ha quando il testicolo è sceso, ma tende a tornare indietro;
  • Criptorchidismo con discesa incompleta, si verifica quando il testicolo di ferma nell’orifizio inguinale.

Cura

Il criptorchidismo può essere curato se si agisce per tempo e chirurgicamente, per quanto riguarda il criptorchidismo con testicolo retrattile ad oggi esistono manovre per riposizionarlo.

Per capire dove siano i testicoli, bisogna optare per esami tramite radiografie. Se notate che il vostro piccolo non ha ancora i testicoli nello scroto, avvertite il medico e chiedetegli come bisogna agire per risolvere tempestivamente il problema.

Il problema può dare i primi segnali anche durante la gravidanza, dopo che il sesso del bambino si è sviluppato. Durante la gravidanza, controllatevi sempre dal medico e fate controllare anche il vostro bambino.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons