Loading...

Doccia nasale per bambini: come funziona e come si usa

doccia nasaleQuante volte ci è capitato di dover affrontare il problema del naso otturato del nostro bambino? Questa è una situazione molto fastidiosa soprattutto nei primi anni di vita, quando il bambino non sa ancora soffiarsi il nasino.

Questo problema comporta non pochi disagi che si ripercuotono sulla serenità del piccolo. Infatti, se il lattante non riesce a respirare bene, avrà difficoltà anche a nutrirsi e a dormire.

Per ovviare a questo inconveniente, prima di ricorrere a rimedi più invasivi, è indicato pulire le cavità nasali in modo da ostruirle e ripristinare la normale respirazione.

Perché eseguire la doccia nasale?

Per una perfetta igiene della cavità nasale è necessario compiere gesti molto semplici da ripetere quotidianamente, sia per ostruire il naso da muchi che per prevenire eventuali infezioni.

Infatti, rendendo le narici libere da impurità si evitano ristagni che sono terreno fertile per la proliferazione di batteri e, di conseguenza, di infezioni anche più gravi di un semplice raffreddore.

Nei bambini con meno di tre anni, questo non è possibile ottenerlo ed è quindi necessario che si proceda manualmente ad espellere il muco ristagnato mediante la doccia nasale.

Detto ciò, si giunge facilmente alla conclusione che la doccia nasale nei bambini piccolissimi, ma anche in quelli più grandi, serve per liberare il naso da impurità che rendono difficoltosa la respirazione in caso di raffreddore, ma anche e soprattutto per prevenire infezioni e patologie casate da batteri.

Come viene seguita la doccia nasale?

La doccia nasale viene eseguita con soluzioni fisiologiche appropriate, o anche con l’acqua di Sirmione, oppure con soluzioni a base di acqua di mare distillata.

Tre sono i modi con cui eseguire una doccia nasale:

  • Con un’apposita macchinetta acquistabile nei negozi specializzati che, collegata all’aerosol, spruzza nella cavità nasale un getto di prodotto liquido;
  • Con soluzioni monodose acquistabili in farmacia contenuti in piccoli flaconcini che, se spremuti vivacemente dentro le narici, permettono il distacco del muco;
  • Con una siringa sterile senza ago. Con questo metodo molto più casalingo, se eseguito in modo corretto, si possono ottenere gli stessi risultati raggiunti con le altre due alternative. Usando questo metodo è bene che la soluzione sia spinta molto velocemente, in modo da provocare il distacco del muco dalle cavità nasali.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons