Loading...

Extrasistole in Gravidanza: sintomi, diagnosi e rimedi

extrasistoleL’extrasistole è un disturbo del battito cardiaco, che fa avvertire una sensazione di tuffo al cuore o di battito arrestato. Si tratta, parlando a livello medico, di un battito anomalo che, una volta attivatosi, è in grado di alterare anche quelli successivi.

Si tratta di un problema piuttosto comune anche durante la gravidanza. Vediamo insieme se è davvero il caso di preoccuparsi, di cosa si tratta e come porvi rimedio.

Quali sono le cause dell’extrasistole?

L’extrasistole non ha cause precise che si nascondono dietro all’anomalia del battito, anche se ci sono degli elementi ricorrenti che possono essere messi sicuramente in correlazione con la comparsa di questo disturbo:

  • Squilibri chimici e ormonali del corpo;
  • Problemi allo stomaco: su tutti l’erba natale o il riflusso gastroesofageo;
  • Uso di farmaci antiasma;
  • Ricorso a droghe stimolanti, come cocaina o anfetamina;
  • Lesioni congenite al muscolo cardiaco;
  • Ipertensione;
  • Infezioni al miocardio.

In presenza di gravidanza, questo disturbo può anche non avere alcun tipo di causa, ma essere piuttosto riconducibile allo stress fisico e mentale proprio della gestazione.

I fattori di rischio

Ci sono altri fattori che possono, o meglio, stili di vita e alimenti che possono aumentare l’occorrenza dell’extrasistole:

  • Uso di caffeina;
  • Abuso di alcol;
  • Uso di tabacco;
  • Esercizi fisici prolungati e ripetuti;
  • Pressione alta;
  • Presenza di ansia;
  • Patologie cardiache congenite.

Come si riconosce?

L’extrasistole può essere facilmente riconosciuta da un ventaglio di sintomi piuttosto tipici:

  • Battito esitante;
  • Palpitazione;
  • Cuore che batte forte, con sensazione di cuore che sale in gola;
  • Cuore che salta un battito;
  • Battito cardiaco “consapevole”.

In presenza di questi sintomi, bisogna rivolgersi al proprio cardiologo, che cercherà di individuare la presenza di extrasistole.

Ci sono pericoli associati?

L’extrasistole non crea in genere alcun tipo di problema aggiuntivo rispetto a quelli che abbiamo elencato nel paragrafo precedente.

A parte i disagi legati alle aritmie e alla sensazione di cuore che salta in gola, non ci sono effetti apprezzabili riconducibili all’extrasistole.

E la terapia?

L’extrasistole, non causando evoluzioni apprezzabili, può essere semplicemente ignorata. Tenderà infatti a sparire successivamente alla gravidanza.

È comunque una buona pratica rivolgersi al proprio medico curante che, una volta indagate le cause che hanno potuto scatenare l’extrasistole, deciderà il da farsi, ovvero se ricorrere a qualche tipo di terapia o se invece sarà il caso di ignorare il tutto.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons