Loading...

Fibrinogeno alto in gravidanza: valori, rischi e cure

fibrinogenoFibrinogeno alto, fibrinogeno basso durante la gravidanza. Tutti ne parlano ma pochi hanno davvero afferrato cosa è collegato a questo importantissimo valore. Vediamo insieme cosa vuol dire quando il fibrinogeno è alto, se c’è bisogno di preoccuparsi o se possiamo dormire sonni tranquilli nonostante i valori un po’ sballati.

Un po’ di aumento è fisiologico

La prima cosa da mettere in chiaro è che il fibrinogeno è una sostanza che concorre nei processi di coagulazione del sangue. Il suo aumento durante la gravidanza è in parte fisiologico e per la gravidanza possiamo ritenerci tranquille e dentro la soglia di normalità per valori che sono inclusi tra i 400 e i 700 mg/dl.

Quando si alza questo valore?

Questo valore tende a salire, oltre che durante la gravidanza, anche in altre circostanze:

  • Ustioni, anche leggere;
  • Presenza di linfomi;
  • Problemi ai reni di ogni tipo;
  • Uso di alcuni contraccettivi;
  • Gestazione, come avevamo detto prima.

Cosa fare in caso di fibrinogeno oltre i valori della gravidanza?

In questo caso è sicuramente necessario rivolgersi al medico e cercare di individuare, in un percorso diagnostico specifico, le cause che avrebbero potuto portarci a sperimentare questo tipo di problema. Si tratta di qualcosa che infatti può essere ricondotto a tutte le cause sopra specificate, cause che necessitano sicuramente dell’attenzione del medico e un pronto intervento, soprattutto se stiamo affrontando una gravidanza.

E in caso di livelli più bassi?

Nel caso in cui invece i livelli dovessero farsi più bassi, sarà necessario andare a farsi controllare comunque dal medico, anche se si tratta di un’evenienza di cui ci occuperemo in un altro articolo, specificando in quel caso quali sono le cause e quali anche i possibili rimedi.

I rimedi per il fibrinogeno troppo alto

Nel caso di valori fuori norma, sarà d’obbligo individuare quali sono le possibili cause che hanno portato a questo tipo di problematica e solo successivamente andare ad affrontare la giusta terapia.

Non si tratta di consigli che possono essere presi su Internet: c’è bisogno dell’intervento di uno specialista. Bisogna andare dal medico? Assolutamente sì, anche se con ogni probabilità sarà lui il primo ad accorgersene una volta che avrete consegnato le analisi.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons