Loading...

Il dolore al seno è segno che sei incinta?

gonfiore al senoIl seno gonfio è un campanello d’allarme per diverse condizioni di salute, ma è anche sinonimo di essere incinta?

Spesso il seno gonfio sta ad indicarci il fatto che il nostro organismo sia soggetto a cambi ormonali, ma ci sono dei piccoli dettagli non trascurabili, che ci fanno capire a quale cambiamento il nostro corpo si sta preparando.

In alcuni casi si, quindi è meglio fare attenzione ai dettagli e ai messaggi che il nostro corpo ci manda.

Seno gonfio per sintomi premestruali o per la pillola anticoncezionale

Una condizione che si verifica di frequente in molte donne è quella del gonfiore al seno durante la fase premestruale.

Anche la pillola anticoncezionale causa questa condizione, in quanto l’organismo si trova ad assorbire una quantità di ormoni non previsti, che deve adattare alle funzioni normali.

A volte al gonfiore si accompagna un dolore più o meno forte, che dipende dalla reazione del nostro organismo ai cambi ormonali.

Seno gonfio quando si rimane incinta

Quali sono le differenze tra il gonfiore al seno delle donne in fase premestruale rispetto alle donne che si trovano in stato interessante?

Quando una donna rimane incinta il seno si gonfia perché, come nei casi precendeti, sta subendo dei cambiamenti ormonali e il corpo si deve adattare alla condizione di maternità.

In particolare il seno si deve predisporre alla produzione di prolattina, per la fase dell’allattamento.

La differenza sostanziale tra le due situazioni è il fatto che in fase di gravidanza l‘areola e i capezzoli tendono a diventare più scuri, rispetto al solito colorito.

Oltre a questa caratteristica anche i tubercoli di Montgomery, ossia quelle piccole ghiandole poste sulle areole appena visibili, diventano più evidenti.

Consultare il medico

In alcuni casi il dolore al seno è associato anche ad emicrania.

In base alla circostanza in cui ci si trova è opportuno consultare sempre il medico, per avere un parere più specialistico.

Inoltre è opportuo imparare a fare l’autopalpazione, per essere in grado di capire se il gonfiore sia dovuto a problemi di altra natura.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons