Loading...

Incontinenza post Parto: esercizi e rimedi efficaci

incontinenzaUno dei problemi più comuni per le puerpere, soprattutto durante il primo mese successivo alla gravidanza, è quello dell’incontinenza. Basta un piccolo colpo di tosse, o una risata per far scappare un po’ di pipì e trovarsi immediatamente nell’imbarazzo.

Si tratta di un problema estremamente comune, che colpisce quasi tutte le donne che hanno avuto un parto naturale e che, se dovesse protrarsi oltre il primo mese, può essere anche efficacemente combattuto con degli esercizi specifici.

Vediamo insieme perché diventiamo incontinenti dopo il parto e cosa c’è da fare.

Perché?

I muscoli pelvici (che sono quelli che regolano i movimenti del bacino) e soprattutto il muscolo che regola il rilascio e la compressione dell’area perinale (ovvero quella che va dall’ano alla vagina), durante il parto naturale possono stirarsi.

In seguito a questo stiramento, può venire meno la funzione di contrazione di questi muscoli che è necessaria per mantenere la pipì all’interno della nostra vescica.

Per questo motivo, soprattutto in presenza di sussulti come quelli degli starnuti, si può perdere qualche goccia di urina.

Che si può fare?

Il rimedio migliore per questo tipo di problematiche è sicuramente la ginnastica e l’attività fisica mirata. Con gli esercizi giusti possiamo aiutare i nostri muscoli a recuperare tono e dunque a recuperare la continenza.

Gli esercizi dovrebbero essere addirittura cominciati 2 mesi prima dal parto, per permettere ai nostri muscoli di presentarsi al meglio successivamente, a travaglio e parto ultimato.

Gli esercizi più adatti

Ci sono 4 tipi di esercizi che possiamo fare per ottenere un tono muscolare pelvico migliore e quindi migliorare la nostra continenza:

  1. Mettiamoci supine, con le gambe in leggera flessione. Dobbiamo cercare di contrarre i muscoli interni del bacino, quelli che insistono sull’interno coscia per intenderci. Nel farlo, poggiamo una mano sul nostro addome, per controllare che la contrazione sia effettiva.
  2. Mentre facciamo la pipì, cerchiamo di interromperla completamente, per poi ricominciare, per poi interrompere di nuovo e ultimare.
  3. Possiamo svolgere il terzo esercizio sia da sedute che in posizione eretta. Mettiamo in tensione il nostro perineo, il muscolo tra ano e vagina. Facciamolo per almeno 30 volte, 3 volte al giorno.
  4. Mettiamoci in piedi, con le gambe divaricate. Poggiamo le nostre mani sui fianchi e facciamo dondolare il nostro bacino. Nel frattempo contraiamo i muscoli.

Se seguiamo con costanza questi esercizi, non avremo problemi a combattere l’incontinenza.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons