Loading...

Infezioni da funghi e micosi del bambino: cause, sintomi e cura

mughetto bambinoI bambini sono creature molto delicate e le infezioni che raramente attaccano gli adulti possono colpirli molto facilmente.

Oggi parliamo delle infezioni fungine (micosi), il problema che è causato quando le colonie di funghi si stabilizzano sulla pelle del nostro piccolo.

Si tratta di un problema di salute tendenzialmente non grave, che necessità però un intervento fermo e pronto.

Vediamo insieme cosa c’è da sapere a riguardo.

Come riconoscere le micosi

Ci sono moltissimi tipi di micosi che possono colpire il nostro piccolo, le più comuni sono:

  • La dermatite da pannolino: si presenta con un numero alto di placchette dal colore rosso intenso che possono essere accompagnate anche da vesciche. Possono colpire l’area genitale, il culetto e anche l’ano.
  • Le tigne: presentano delle lesioni che hanno la forma di un anello e possono crescere fino ad occupare porzioni consistenti del cuoio capelluto del bimbo. Possono colpire anche altrove, ma hanno come luogo preferito appunto la testa del nostro piccolo.
  • Micosi dell’unghia: la lamina delle unghie diventa opaca, si ingiallisce e può anche cambiare forma. Si tratta tuttavia di un’evenienza piuttosto rara per i bambini.
  • Il mughetto: è forse la forma di attacco mitotico più comune e si riconosce dalla patina biancastra sulla lingua e sul palato. Se viene distaccata, lascia una zona dal colore rosso intenso.

Come vengono curate le micosi?

Le micosi si curano in genere con prodotti topici, ovvero che vengono applicati direttamente sull’infezione. Si tratta di medicinali che devono essere però prescritti dal pediatra e che mai e poi mai dovremmo scegliere per conto nostro, magari su consiglio di qualche altra mamma. Ogni tipologia di fungo infatti reagisce diversamente ai principi attivi e il rischio che correremo sarà quello di dare dei medicinali inutili, se non dannosi, al nostro bambino.

Occhio all’estate

Le micosi sono estremamente più frequenti in estate, in quanto il clima, sia caldo che umido, permette ai funghi di riprodursi a maggiore velocità. Inoltre ambienti come le piscine e le palestre sono un autentico ricettacolo per questi micro-organismi. Dunque maggiore attenzione d’estate!

Occhio agli animali non controllati

Gli animali che non sono in buono stato di salute possono essere portatori di funghi. Per questo motivo dovremmo cercare di mantenere il contatto al minimo indispensabile con il nostro piccolo, soprattutto se in tenerissima età, dato che non ha ancora gli anticorpi giusti per combattere questo tipo di infezioni.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons