Loading...

Iperidrosi nel bambino: sintomi e cura

Soffrire di iperidrosi, ovvero di eccessiva sudorazione, può essere un problema davvero fastidioso che abbassa notevolmente la qualità della vita di chi ne soffre.

Nei piccoli questo problema può essere davvero difficile da gestire, in quanto si osservano, si fanno domande a volte poco discrete, ma senza farlo intenzionalmente. Il bimbo che soffre di iperidrosi può iniziare a sentirsi in imbarazzo e ad isolarsi.

Quali sono i sintomi e quali le cause della iperidrosi? Esistono delle cure o dei rimedi? Cosa si deve fare con i più piccoli per aiutarli a gestire al meglio questo problema? Vediamolo insieme nella nostra guida di oggi.

Iperidrosi: i sintomi

I sintomi dell’ iperidrosi sono:

  • Sudore eccessivo localizzato in alcune parti del corpo (es. ascelle, mani, inguine, ecc.);
  • Presenza di un vero e proprio gocciolamento di sudore;
  • Indumenti bagnati dal sudore.

Soffrire di iperidrosi causa una sudorazione forte e così abbondante da bagnare i vestiti, da portare il soggetto a doversi cambiare in continuazione e a soffrire di gocciolamento. La pelle si disidrata e può anche finire per spaccarsi, irritarsi ed infine ferirsi.

Il sudore è fondamentale per la nostra sopravvivenza e per termoregolare la temperatura corporea. Una sudorazione eccessiva è sintomo di uno squilibrio. A volte si tratta di un problema semplicemente emotivo dovuto a stress e ansia.

Se la causa è emotiva, bisogna capire come gestire le ansie, al contrario bisogna seguire una terapia specifica decisa da un medico specialista. Vediamo ora come fare per gestire il problema.

La cura

Parla con un medico specialista per capire la causa dell’iperidrosi e di conseguenza per scegliere anche la terapia più appropriata. Se le cause sono psicologiche, come stress e ansia, bisogna rivolgersi ad uno psicoterapeuta.

Se il problema è più radicato, sarà il medico decidere che tipo di terapia scegliere sempre facendo attenzione a quanti anni ha il piccolo. Nei bimbi troppo piccoli si può solo arginare il problema seguendo i consigli del medico.

La terapia farmacologica, specifica o chirurgica, va scelta quando il bimbo è abbastanza grande da riuscire ad affrontarla. Sarà il medico a consigliarti il momento giusto.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2019 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons