Loading...

Ipotiroidismo in gravidanza: sintomi, cura e conseguenze

tiroideDurante la gravidanza è di assoluta importanza, soprattutto durante le prime settimane che seguono al concepimento, monitorare con attenzione i livelli di ormoni tiroidei nel sangue. Si tratta di ormoni che sono di fondamentale importanza per lo sviluppo sia somatico che cerebrale del feto.

L’ipotiroidismo può dunque essere responsabile, purtroppo, di eventi nefasti sia a livello di sviluppo del feto che della formazione di alcuni organi fondamentali.

Per questo motivo, tra i test che in genere il ginecologo prescrive, ci sono anche quelli che riguardano il livello di ormoni tiroidei nel sangue.

I problemi di carattere fisiologico

In gravidanza, come sapranno bene le nostre lettrici e i nostri lettori, si verificano degli scompensi ormonali molto importanti, che possono andare ad ostacolare anche l’espletarsi delle funzioni della tiroide.

Per questo motivo dunque, anche situazioni di leggero ipotiroidismo pre-gravidanza, possono trasformarsi in un problema piuttosto serio, che deve essere immediatamente posto all’attenzione del medico.

Quali sono tutti i rischi associati all’ipotiroidismo durante la gravidanza?

Durante la gravidanza una mancanza di ormoni tiroidei può essere responsabile di:

  • Danni al sistema nervoso centrale del feto;
  • Danni allo sviluppo intellettivo del bambino;
  • Danni dovuti alla mancanza di tiroxina, soprattutto nelle prime settimane di sviluppo del feto;
  • Aborto spontaneo in 30 casu su 1000.

Si tratta di problemi piuttosto seri, che devono essere ovviamente tenuti in debita considerazione.

Le cause dell’ipotiroidismo

L’ipotiroidismo durante la gravidanza è in genere riconducibile a:

  • Ipotiroidismo primitivo: che è in genere riconducibile a traumi della tiroide successivi ad un intervento chirurgico;
  • Ipotiroidismo secondario, ovvero riconducibile a situazioni pregresse di scarsa produzione di ormoni tiroidei;
  • Ipotiroidismo autoimmune, ovvero riconducibile a reazioni autoimmuni del nostro corpo, che possono andare ad attaccare la tiroide determinando ipotiroidismo.

Quali sono i sintomi di ipotiroidismo, anche durante la gravidanza?

Durante la gravidanza i sintomi di ipotiroidismo sono identici a quelli che colpiscono i pazienti che invece non sono in stato interessante. Tra questi troviamo:

  • Astenia, ovvero debolezza muscolare;
  • Difficoltà a concentrarsi;
  • Freddo avvertito in modo innaturale;
  • Perdita di capelli;
  • Secchezza della cute;
  • Macroglossia;
  • Voce rauca.

In presenza di questi sintomi, sarà piuttosto facile ricondurre le problematiche proprio all’ipotiroidismo, anche se con ogni probabilità il medico dovrebbe essersene già accorto dai test del sangue richiesti durante la gestazione.

Si può curare?

L’ipotiroidismo può essere efficacemente contrastato ricorrendo a quelli che sono strumenti di tipo farmacologico che aiutano a reintegrare gli ormoni tiroidei. In genere si ricorre alla levotiroxina, detta anche LT4, un farmaco estremamente utile nel combattere questo tipo di patologie.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons