Loading...

Luna piena e Parto: cosa c’è di vero?

luna pienaSecondo alcune credenze popolari diffuse non solo in Italia, ma un po’ in tutto il mondo, le fasi lunari potrebbero condizionare sia la data del parto, sia la fecondità della coppia.

La luna sarebbe dunque, sempre secondo queste credenze popolari, intimamente legata al ciclo riproduttivo della coppia, avendo un legame addirittura a doppio filo con la donna. Il ciclo, ci fanno notare i sostenitori di questo legame, è proprio di 28 giorni, come una fase lunare.

Ma è vero che ci sono relazioni tra il parto e le fasi della luna, in particolare la luna piena? Oppure si tratta di una leggenda metropolitana senza alcun legame con la realtà?

Lo studio tedesco

Per cercare di vederci chiaro, per capire se la luna piena potesse davvero condizionare il parto (e il concepimento) è stato fatto uno studio dall’Università di Stoccarda, nel 2008, che ha analizzato i dati di oltre 5.000 parti per cercare quantomeno una correlazione tra la fase della luna piena e il parto.

Le credenze (che vedevano la luna crescente come segno di un maschio in arrivo mentre quella calante come l’arrivo di una femminuccia) non hanno trovato riscontro negli studi scientifici condotti dall’università tedesca.

La luna e le maree

La luna esercita, ci dice la scienza, un effetto elettromagnetico sul nostro pianeta, che è ravvisabile ad esempio nello spostamento delle maree. Secondo chi crede appunto che la luna possa condizionare il parto, questa sarebbe capace di condizionare anche il liquido amniotico nel quale il bambino vive nei 9 mesi.

Quello che però possiamo dirvi con assoluta certezza è che il sesso del bambino non può essere condizionato dal liquido amniotico in alcun modo, ed è per questo che possiamo dirvi, con altrettanta certezza, che non possono esserci legami, ammesso e non concesso che ci siano relazioni tra la luna e il liquido amniotico, tra fasi calanti e crescenti e sesso del nascituro.

Una leggenda innocua, ma sbagliata

Siamo davanti ad una vera e propria leggenda, che non ha per fortuna alcun tipo di ripercussione negativa, anche se potrebbe alimentare speranze infondate.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons