Loading...

Peretta Evacuativa: cos’è e come funziona

perettaLa peretta evacuativa, conosciuta anche come clistere, serve per riuscire ad evacuare quando il corpo si rifiuta di farlo o anche per ripulire l’intestino. In genere le persone riescono a gestire da sole l’utilizzo della pompetta evacuativa, ma in alcuni casi si ha bisogno di un piccolo aiuto.

Nel caso in cui sia la prima volta che utilizzate un clistere, potreste chiedere aiuto in ospedale. Di solito gli infermieri aiutano i pazienti guidandoli nelle varie operazioni e consigliandoli.

In realtà c’è una differenza tra la peretta evacuativa e il clistere: il clistere può contenere da mezzo litro a due litri di liquido, il contenuto della peretta invece non va sopra i 200ml, ma spesso peretta e clistere vengono usati come sinonimi.

Dove si acquista?

Una peretta si può tranquillamente acquistare in farmacia ed è costituita da un’ampolla e da una cannula che va inserita nel retto. Anche i liquidi da inserire nella peretta e poi iniettare nel retto vanno necessariamente acquistati in farmacia.

Non bisogna mai improvvisarsi per evitare gravi danni all’intestino e al retto. Esistono appositi prodotti igienici e perfettamente adatti all’ambiente intestinale, che senso avrebbe produrne in casa?

A cosa serve?

La peretta evacuativa serve per aiutare il paziente ad evacuare qualora il suo intestino si sia bloccato. Dopo tre giorni senza possibilità di evacuare, è consigliabile acquistare una peretta per evitare che l’intestino si intasi ulteriormente e subisca danni.

La peretta aiuta le feci ad ammorbidirsi e ad essere evacuate senza sforzi eccessivi da parte del retto. Se la persona si sforza troppo per evacuare, potrebbero insorgere emorroidi, per cui è meglio ricorrere alla peretta evacuativa piuttosto che dover combattere contro le emorroidi.

Come si usa?

Fate attenzione a come utilizzate la peretta, non forzatela se non riuscite ad inserirla, procedete con calma e con attenzione. Cercate di inserire la cannula della peretta nel retto e, una volta inserita, svuotatela con calma.

In genere dopo qualche minuto l’intestino inizia a svuotarsi perché le feci si ammorbidiscono. In alcuni casi bisogna che qualcuno vi monitori per evitare che insorga una crisi vagale.

Per alcuni soggetti l’evacuazione può risultare traumatica e portare a svenimenti, cercate di non essere soli in casa quando eseguite questa operazione.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons