Loading...

Quale latte per il neonato con intolleranza al lattosio?


intolleranza lattosioL’intolleranza al lattosio, soprattutto in Italia, è un problema molto comune, uno di quelli che possono causare non pochi disturbi al neonato.

Nel caso si dovesse presentare, e a prescindere dal fatto che sia di carattere temporaneo (come spesso capita) o che si tratti di problema permanente, dovremo correre ai ripari e scegliere un latte che sia appunto privo di questo zucchero e che permetta comunque al nostro neonato una crescita adeguata e tutti i nutrienti di cui ha bisogno.

Vediamo insieme quale latte possiamo scegliere per un neonato che è intollerante al lattosio.

Un cenno preliminare: cos’è il lattosio?

Il lattosio è uno zucchero complesso che è parte integrante del latte. È composto di due zuccheri che, una volta scomposti, non causano alcun tipo di problema negli umani, ovvero il galattosio e il glucosio. Al fine di digerirlo, è necessario che nel corpo del piccolo sia presente un enzima particolare, chiamato lattasi.

I casi in cui questo enzima sia deficitario sono in realtà rari: è molto più comune avere una carenza nei primi anni di vita, che poi verrà superata con la crescita.

Allo stesso modo, le infezioni batteriche o virali possono andare ad ostacolare l’azione dell’enzima in questione, causando le temporanee intolleranze al lattosio.

Bisogna scegliere latte speciale

Sono fortunatamente in commercio sia per uso temporaneo che prolungato formule di latte in polvere che non contengono lattosio. Si tratta di prodotti che permettono la digestione del latte anche da parte dei neonati che stanno avendo problemi e rappresentano dunque l’unica possibilità per superare questo problema, dato che l’enzima lattasi non può essere in alcun modo integrato nel corpo dall’estero. Si tratta dunque sì di un problema importante, ma che deve comunque essere inserito nell’alveo di quelli che possono, con un po’ di attenzione, essere risolti.

Chiedete consiglio al vostro pediatra, che vi saprà dare le giuste delucidazioni sul problema in questione, uno di quelli che, lo ripetiamo, non dovrebbero destarvi eccessive preoccupazioni.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons