Loading...

Quando si fa e cosa si vede nella Prima Ecografia in Gravidanza

ecografiaLa prima ecografia è un momento della nostra vita di mamme (e di genitori) che difficilmente dimenticheremo. Si tratta del nostro primo appuntamento con il piccolo, che in genere riesce a far scendere una lacrimuccia anche ai papà più duri di cuore.

Ma quando si fa la prima ecografia? Cosa si riesce a vedere? Vediamolo insieme.

La prima ecografia alla 6–7 settimana

Si tratta di un periodo relativamente precoce per effettuare l’ecografia, anche se sta diventando sempre più comune. In questo momento non potremo che vedere quello che sembra un piccolissimo fagiolo, con già un cuore pulsante al suo interno.

Si tratta di un’ecografia che in genere riesce a dirci pochissimo, se non l’eventuale presenza di due o più feti.

L’ecografia alla 10 settimana

Si tratta del periodo standard per la prima ecografia. Qui cominceremo a vedere il nostro piccolo in miniatura, che ha già la forma di un piccolo bambino, anche se di dimensioni veramente piccole. In genere però si preferisce ripetere l’ecografia anche due settimane dopo, come vedremo tra pochissimo, perché a livello diagnostico, intorno alla decima settimana, si può ancora fare davvero poco.

L’ecografia tra l’11 e la 14 settimana

Si tratta, qui, di un’ecografia molto più compiuta, dato che oltre a poter osservare un feto molto più sviluppato, si può effettuare una valutazione anatomica del feto molto più accurata. Si possono individuare, ad esempio, già eventuali anomalie del cuore, che termina in genere di formarsi proprio intorno alla decima settimana.

Successivamente alla tredicesima settimana invece, si potranno compiere valutazioni anatomiche anche per il cervello, lo stomaco, la vescica e anche gli arti, che cominciano ad avere forma compiuta già in questo periodo, rendendo quindi possibile rilevare eventuali malformazioni gravi.

Translucenza nucale

Si tratta di uno screening separato dall’ecografia, ma che può essere svolto durante la stessa seduta. Oggi si preferisce il test combinato, che è in grado di rilevare sia anomalie come la trisomia che come la Sindrome di Down.

Si misura una piccola quantità di liquido che viene prelevata da dietro la nuca, test che ormai è diventato assolutamente sicuro e non desta più alcun tipo di preoccupazione.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons