Loading...

Rene dilatato del feto: cosa significa e quali sono i problemi

dilatazione renaleTra i possibili problemi che possono essere evidenziati dalle ecografie di routine a carico del feto, una delle più frequenti è proprio la dilatazione renale. Si tratta di un “problema” molto comune e dietro il nostro uso delle virgolette si nasconde in realtà più di quello che sembrerebbe.

Si tratta infatti nella stragrande maggioranza dei casi di falsi problemi, ovvero di alterazioni che sono completamente innocue e di nessuna rilevanza medica, sia alla nascita che in futuro.

Di cosa si tratta

La dilatazione dei bacinetti renali comporta l’allargamento di canali virtuali, all’interno dei quali la pipì del bambino scorre senza soluzione di continuità. Questi bacinetti in genere si possono dilatare autonomamente nel caso in cui il flusso di urina sia particolarmente abbondante.

Questi falsi canali possono apparire, in ecografia, più grandi del solito e vedremo cosa questo può significare.

Qual è la grandezza massima ritenuta normale?

La grandezza ritenuta, da manuale, normale, è di circa 1 cm. Ogniqualvolta che la grandezza di questi canaletti renali supera il centimetro, il ginecologo riporterà questo come un’anomalia. Si tratta però di un’anomalia di cui dovremmo preoccuparci eccessivamente? Lo vedremo tra pochissimo.

Il problema può sorgere anche quando il nostro feto presenti un canale che sia inferiore ad 1 cm. Anche in questo caso, però, non bisogna eccessivamente andare a preoccuparsi, dato che è molto raro che sia segnale di patologie.

Si tratta necessariamente di un problema?

Assolutamente no. Si tratta infatti di un segnale che spesso nasce e muore lì, senza indicare necessariamente la presenza di una patologia dello sviluppo, né tantomeno futuri problemi per il nostro piccolo, sia da bambino che da adulto.

C’è bisogno di accertamenti ulteriori?

Nella grande maggioranza dei casi, soprattutto se la devianza dai valori normali è minima, assolutamente no. Gli strumenti diagnostici sono infatti così invasivi da non valere, nella stragrande maggioranza dei casi, la proverbiale candela.

La dilatazione renale in fase di sviluppo deve essere valutata dal ginecologo, ma si dovrebbe comunque partire dal punto che si tratta nella stragrande maggioranza dei casi di una devianza dai valori normali che non comporta alcun tipo di problema al feto.

Si tratta di qualcosa, dunque, da affrontare con la massima calma e senza eccessive preoccupazioni.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons