Loading...

Si possono usare gli anti-dolorifici in gravidanza?

dipendenza farmaciLa gravidanza è senza ombra di dubbio il periodo più emozionante che una donna possa attraversare nel corso della sua vita. Allo stesso tempo, però, in questo periodo sono mille i dubbi e le preoccupazioni, soprattutto per quanto riguarda l’assunzione di alcuni farmaci.

Si possono usare gli anti-dolorifici durante i nove mesi della gestazione? Ci sono dei rischi oppure no? Quali sono i rischi più diffusi? Quando bisogna contattare il medico? In questo articolo risponderemo a tutte queste domande chiarendo al meglio la questione degli anti-dolorifici in gravidanza.

Si possono usare gli anti-dolorifici durante la gravidanza?

Certo è che durante i nove mesi della gestazione bisogna prestare particolare attenzione all’assunzione di qualsiasi tipo di farmaco, in quanto ci sono molte probabilità che i medicinali entrino nel torrente circolatorio raggiungendo così anche il feto.

Proprio per questo motivo è di fondamentale importanza chiedere un parere al medico curante, o al ginecologo, prima di assumere qualsiasi farmaco, vale lo stesso anche per gli anti-dolorifici.

Per quanto riguarda questa classe di farmaci, ossia gli anti-dolorifici, bisogna prestare particolare attenzione in quanto alcuni tipi potrebbero mettere a rischio la vita del bambino che la futura mamma porta in grembo.

Andiamo quindi a vedere nel prossimo paragrafo quali sono i farmaci anti-dolorifici che possono essere assunti in gravidanza e quali invece quelli che vengono sconsigliati dai medici alle gestanti.

Quali anti-dolorifici si possono assumere durante la gravidanza? Quali, invece, vanno evitati?

Come per qualsiasi altro trattamento farmaceutico, anche nel caso degli anti-dolorifici, devi ricordare che vanno assunti con estrema cautela, limitandone l’utilizzo quando possibile.

Attualmente il Paracetamolo si è dimostrato essere il principio attivo più sicuro per una futura mamma e può essere assunto per tutta la durata della gravidanza, sempre prestando estrema attenzione.

Purtroppo, però, la risposta dell’organismo al Paracetamolo cambia di persona in persona e, qualora non dovesse fare effetto, puoi optare per un antinfiammatorio non steroideo (i cosiddetti FANS).

Ovviamente anche nel caso dei FANS è di fondamentale importanza chiedere un parere al tuo medico curante, o al ginecologo, in quanto potresti andare incontro al rischio di un aborto spontaneo, soprattutto con l’assunzione dei seguenti farmaci:

  • L’Ibuprofene;
  • Il Naprossene;
  • Il Dioflenac.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons