Loading...

Si può usare l’acqua ossigenata in gravidanza?

acqua ossigenataL’acqua ossigenata è la soluzione disinfettante più utilizzata per il trattamento di lesioni di piccola o media grandezza. Ma si può usare durante i nove mesi della gestazione? Ci sono dei rischi oppure no? Nel caso in cui fosse meglio evitare, quali sono le migliori alternative?

Oggi andremo a rispondere proprio a queste domande, sperando di risolvere al meglio tutti i tuoi dubbi relativi all’utilizzo di acqua ossigenata durante un periodo delicato ed impegnativo come quello della gravidanza.

Che cos’è l’acqua ossigenata?

Tutti, o quasi, abbiamo una boccetta di acqua ossigenata in casa, ma ti sei mai chiesto che cos’è esattamente? Ebbene, si tratta di un composto chimico, il perossido di idrogeno, che ha diverse funzioni, ossia:

  • Sbiancante;
  • Disinfettante;
  • Ossidante.

A che cosa serve l’acqua ossigenata?

Con il tempo l’acqua ossigenata ha trovato diversi utilizzi. Ad esempio in campo medico gli utilizzi principali di questo composto chimico sono i seguenti:

  • Aiuta a prevenire l’insorgenza di infezioni cutanee nel caso di ferite piuttosto piccole;
  • E’ adatta alla sterilizzazione di sale operatorie e degli strumenti chirurgici;
  • Aiuta ad attenuare le irritazioni che possono insorgere in bocca.

L’acqua ossigenata viene però largamente utilizzata anche in ambito cosmetico, soprattutto sfruttando i seguenti vantaggi:

  • E’ un ottimo prodotto anti-acne;
  • E’ un ottimo sbiancante per i denti. Infatti, se la si mescola con il bicarbonato di sodio si può ottenere un ottimo sbiancante naturale;
  • L’acqua ossigenata aiuta anche a sbiancare i capelli, mescolandola con un’altra sostanza: l’idrossido d’ammonio.

Si può usare l’acqua ossigenata durante la gravidanza oppure no?

Nel caso di una gravidanza sono tanti i dubbi e le preoccupazioni che affliggono la futura mamma, e anche l’acqua ossigenata potrebbe rientrare tra questi.

L’utilizzo del perossido di idrogeno durante la gestazione viene considerato sicuro. Infatti non ci sono particolari controindicazioni e può essere usato tranquillamente.

Il discorso cambia invece durante il periodo dell’allattamento. In alcuni casi il perossido di idrogeno potrebbe infatti penetrare nel latte materno, cambiando così il sapore dello stesso e portando il bambino a rifiutarsi di mangiare. In tal caso sarebbe opportuno chiedere un parere al medico.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons