Loading...

Sintomi della gravidanza: quando non bisogna preoccuparsi

Sintomi della gravidanzaLa maggior parte delle donne in attesa, molto spesso, accusa dolori che il più delle volte risultano essere frutto della loro immaginazione.

Ogni minimo dolore, ogni minima fitta al ventre viene recepito come un chiaro segnale di qualcosa che non sta andando per il verso giusto, ma non è così.

Lasciate che la natura faccia il suo corso e che il vostro bambino cresca sano e bello.

Mamma Perfetta, di seguito, elencherà i sintomi più comuni della gravidanza e di cui non bisogna affatto preoccuparsi.

Preme ricordare che, nel caso in cui avreste domande più specifiche riguardo il procedere della vostra gravidanza, bisogna che consultiate un medico.

Nausea

Il trucco sta nel mangiare poco alla volta e non ingurgitare enormi porzioni di cibo. Alcune donne sostengono che i cibi e le bevande che contengono zenzero o limone, aiutano a risolvere i problemi relativi alla nausea.

Quando chiamare il medico

La nausea può diventare una preoccupazione nel momento in cui il continuo vomito causa disidratazione.

Sanguinamento

Per la maggior parte delle donne il sanguinamento è di gran lunga il sintomo più preoccupante che si possa verificare durante la gravidanza, perchè viene associato ad un eventuale aborto spontaneo. Ma non è così.

Circa un quarto delle donne hanno vissuto questa tremenda esperienza soprattutto durante i primi tre mesi. Il sanguinamento è dovuto, il più delle volte, ad una cercive sensibile che, durante il rapporto sessuale, si rompe.

Quando chiamare il medico

Nonostante ciò, se il sanguinamento è accompagnato da crampi si tratta quasi sicuramente di un aborto spontaneo ed è quindi fondamentale affidarsi al controllo di un medico.

Crampi

Molte donne, durante le prime fasi della gravidanza, accusano dolori simili ai crampi mestruali. In realtà, quella dolorante pesantezza nella zona pelvica è dovuta ad un forte aumento del flusso sanguigno all’utero.

Quando chiamare il medico

Se si notano crampi insistenti su un solo lato bisogna informare il medico, in modo da diagnosticare se si tratta di una gravidanza ectopica o di cisti ovarica.

Contrazioni

Dopo 24 settimane circa, le contrazioni arrivano. Queste sono normali durante la gravidanza, se si verificano a intervalli regolari; nel momento in cui aumentano di frequenza e intensità e diventano irregolari, bisogna assolutamente consultare un medico.

Ridotti movimenti del bambino

Solitamente, le donne iniziano a sentir scalciare il proprio bambino tra la 18esima e la 24esima settimana. Da quel momento in poi i movimenti diventano progressivamente più forti e frequenti. Se i movimenti sembrano cessare, qualcosa non va come dovrebbe.

Quando chiamare il medico

Prima di chiamare il medico, provate a stendervi e a stare rilassate per circa un paio d’ore. Se il bambino non scalcia vuol dire che il momento di chiamare il medico è arrivato.

Scariche insolite ed eccessive

Fanno parte della gravidanza, visto che il collo dell’utero sta subendo molte modifiche e viene costantemente generato muco che deve essere cacciato.

Quando chiamare il medico

Se le scariche sono accompagnate da bruciore, prurito o da cattivo odore, bisogna consultare il medico: potrebbe trattarsi di un’infezione.

Umidità

Quando le donne si accorgono di essere leggermente “bagnate”, la prima cosa che pensano è quella di aver rotto le acque. Attenzione, care mamme. Quell’umidità che vedete sulle vostre mutandine, non è che urina causata dalla pressione del pancione sulla vescica.

Capita spesso che le donne perdano urina senza neanche rendersene conto.

Quando chiamare il medico

Se questa sensazione di umidità persiste, dovete chiamare il medico. Sarà lui a dirvi se il liquido in questione sia liquido amniotico o, come già detto, semplice urina.

Gonfiore

Le donne incinte avvertono spesso una sensazione di gonfiore dovuta al trattenimento di liquido in eccesso a causa degli ormoni. Purtroppo il gonfiore è qualcosa che non si può risolvere, non dipende nè dalla quantità di acqua, nè dalla quantità di sale che ingeriamo.

L’unica cosa che si potrebbe fare è nuotare. Stare in piscina, ad esempio, allevierà questa sensazione di gonfiore anche per quanto riguarda le gambe.

Quando chiamare il medico

Se ad un improvviso gonfiore si aggiungono mal di testa forti, può trattarsi di preeclampsia. Se questo si verifica dopo la 28esima settimana, chiamate immediatamente un medico: questa condizione può essere pericolosissima per la gravidanza.

Detto questo, bisogna aggiungere che, nel settanta per cento delle volte in cui si sono presentati questi sintomi, i bambini sono nati sani.

Tante mamme, infatti, dopo aver visto per la prima volta i propri figli, hanno ammesso che forse sarebbe stato meglio preoccuparsi di meno e viversi di più la straordinaria esperienza di diventare mamme.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons