Loading...

Sonnolenza e stanchezza in gravidanza: cause, sintomi e cura – una guida completa

incinta stancaUno dei sintomi più comuni dell’inizio della gravidanza sono sonnolenza e stanchezza. Ci si sente prive di energia, nonostante il nostro umore sia alle stelle.

È normale o bisogna preoccuparsi? E c’è un limite considerato normale per queste sensazioni?

Vediamo di capirne qualcosa di più insieme, analizzando cause, possibili rimedi e sintomatologia di quello che è, lo ricordiamo ancora una volta, uno degli effetti più comuni della dolce attesa.

La sonnolenza e la stanchezza sono assolutamente normali

Una volta cominciato lo stato interessante, è normalissimo sentirsi spossate, stanche, incapaci di portare a termine i nostri compiti quotidiani. Questa condizione è dovuta a stravolgimenti ormonali (di cui parleremo tra poco) che coinvolgono il corpo della donna e che lo modificano sia nell’aspetto che nella capacità di essere attivo.

Tutte le donne avvertono questi sintomi, che sono tra i più comuni per chi si trova nella prima fase della gravidanza.

Quando sono normali?

In genere la stanchezza coinvolge le donne tra il primo e il quarto mese di gravidanza. Questo perché, e lo vedremo dopo, questa reazione è dovuta principalmente all’aumento di determinati ormoni nel corpo della donna.

Si tratta di reazioni normali del nostro corpo atte a proteggere la piccolissima vita che si sta sviluppando dentro di noi e non devono destare alcun tipo di allarme in quanto descritte dalla scienza come reazioni nell’alveo della normalità per chi è incinta.

A cosa sono dovute?

Con l’inizio della gravidanza il corpo di una donna si modifica in modo radicale. Aumenta la produzione di Gonadotropina Corionica Umana (detta HCG), un ormone che è responsabile sia delle modificazioni a livello estetico, sia di quelle a livello umorale e comportamentale.

Si tratta di una reazione che da il via ad un complesso di modificazioni che rendono la gravidanza e lo sviluppo del bambino possibili, proteggendolo dal rigetto e schermando per lui ogni tipo di pericolo che potesse provenire da agenti esterni o dall’alimentazione.

Un sonno non più riposante

L’alta concentrazione di questo ormone è anche responsabile della riduzione della fase REM del sonno, quella in cui dormiamo in modo più profondo e riposante. Quindi nonostante possiate passare ore e ore a letto durante la notte, non vi sveglierete poi riposate come facevate prima di essere incinte.

Questo cambiamento è importantissimo e interessa principalmente le prime 15 settimane di gravidanza, settimane durante le quali le concentrazioni di questo speciale ormone sono più elevate e la fase REM dunque della massima brevità.

Quando passa la stanchezza?

Bisogna in genere superare la boa della quindicesima settimana di gravidanza, oltre la quale i livelli di HCG tenderanno a normalizzarsi e dunque ci permetteranno di ritornare a dormire sonni tranquilli, profondi e riposanti.

Una normalizzazione completa si avrà però soltanto al termine dei 9 mesi, dopo il parto, motivo per il quale è inutile allarmarsi nel caso in cui dovessimo continuare a sentirci stanche anche dopo la fatidica quindicesima settimana.

Come aiutarsi?

Ci si può aiutare a combattere stanchezza e spossatezza adeguando il nostro stile di vita al nostro (nuovo) stato interessante.

Innanzitutto è d’obbligo evitare attività pesanti e che non si addicono ad una donna in stato interessante. Per nessun motivo dobbiamo pensare di essere in grado di svolgere le attività più impegnative che svolgevamo prima di essere incinte.

Una dieta adeguata, con pasti ben ripartiti durante la giornata può essere altrettanto d’aiuto per combattere una spossatezza che potrebbe essere davvero invalidante, specialmente durante i primi tre mesi.

Si possono utilizzare anche integratori di potassio e magnesio, anche se, oltre che contribuire marginalmente al nostro benessere, non possono poi fare miracoli per far sparire completamente la debilitante stanchezza.

Cosa evitare?

Evitare rimedi che fanno più male che bene, come l’ingurgitare troppo caffè o troppe bevande energetiche ricche di stimolanti come la caffeina.

Anche gli integratori vanno consumati con assoluta parsimonia, preferendo prodotti che si limitano ad integrare magnesio e potassio, ed evitando quei prodotti che, sebbene si spaccino per naturali, hanno ingredienti di dubbia provenienza.

Il consiglio migliore che possiamo darvi è quello di assecondare i messaggi del vostro corpo. Approfittate della gravidanza per riposare e per vivere 9 mesi con il più basso stress possibile, senza preoccuparvi troppo della stanchezza che andrete ad avvertire senza alcun dubbio.

Stiamo portando avanti il nostro corpo e la nuova vita che si sta sviluppando dentro di noi. Prendiamoci tutta la calma di cui abbiamo bisogno.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons