Loading...

Subitene: si può prendere in gravidanza e in allattamento?

ibuprofeneSi può assumere il Subitene durante i nove mesi della gravidanza? Si può assumere questo farmaco durante il periodo dell’allattamento senza correre rischi? E se viene assunto per sbaglio, che cosa succede?

Visto che durante la gravidanza e durante l’allattamento bisogna fare particolare attenzione, soprattutto ai farmaci che si assumono, in quanto potrebbero subentrare dei rischi anche gravi, oggi abbiamo pensato di mostrarti cosa succede con il Subitene.

Vediamo quindi come bisogna comportarsi, se si può assumere il Subitene durante la gravidanza e l’allattamento oppure no.

Si può assumere il Subitene durante la gravidanza?

Il Subitene è uno dei tanti medicinali che contengono l’Ibuprofene, un principio attivo che ha il compito di inibire la sintesi delle prostaglandine e, come tale, può influenzare la gravidanza in modo assolutamente negativo.

E’ stato largamente dimostrato che l’Ibuprofene, e quindi anche il Subitene, può comportare il rischio di aborto, quello di una malformazione cardiaca o, addirittura, il rischio che il bambino vada incontro ad un difetto della parete addominale.

Mano a mano che si aumentano le dosi e la durata della terapia, questi rischi sono sempre maggiori e, proprio per questo motivo, il Subitene non viene prescritto durante la gravidanza, a meno che la sua assunzione non sia di vitale importanza.

Si può assumere il Subitene durante il periodo dell’allattamento?

Il Subitene viene sconsigliato anche durante il periodo delicato dell’allattamento in quanto verrebbe secreto dal latte materno e potrebbe comportare il rischio di uno svezzamento precoce.

Questo però accade solo se la madre sta seguendo una terapia a lungo termine a base di questo farmaco in quanto potrebbe modificare il sapore del latte.

Ho preso il Subitene per sbaglio, cosa devo fare?

Come abbiamo detto nel corso del nostro articolo, anche se il Subitene viene sconsigliato durante la gravidanza e l’allattamento, i rischi che può causare si manifestano soprattutto quando la terapia si prolunga nel tempo e le dosi sono molto alte.

Ciò significa che non ci sono rischi concreti se si assume il farmaco per sbaglio. Tuttavia sarebbe opportuno contattare il proprio medico per intervenire e porre rimedio.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons