Loading...

Svezzamento del bebé: le linee guida del Ministero della Sanità

svezzamentoLo svezzamento del bambino può iniziare già dai sei mesi di età. I cibi solidi o i cibi cremosi sono adatti allo svezzamento del bambino e si possono integrare all’alimentazione con il latte. Una volta arrivati a sei mesi, i bambini hanno tutti i mezzi fisici necessari per iniziare a provare altri cibi oltre al latte materno.

Come fare per svezzare il bambino? Innanzitutto rispettate i suoi tempi e i suoi gusti, questo non significa che dobbiate “viziare” il piccolo, ma non forzatelo troppo. Forse non è il momento di fargli provare un determinato cibo e magari inizierà ad amarlo più in là.

Ad esempio, potrebbe preferire l’omogeneizzato di pollo piuttosto che quello di verdure e forzarlo a mangiarlo non lo aiuterà di certo ad amare quel cibo. In questo articolo riportiamo i consigli presi dalla guida allo svezzamento del Ministero della Sanità Italiana.

Iniziare lo svezzamento: quali cibi preferire?

Ricordiamo che l’allattamento al seno può tranquillamente continuare durante lo svezzamento del piccolo. In generale, per aiutare il bimbo ad accettare il cucchiaino e i vari cibi, potete iniziare a fargli provare omogeneizzati o preparati casalinghi cremosi a base di:

  • Vegetali cotti a vapore, passati e tritati;
  • Frutta grattugiata (la mela è ottima);
  • Crema di riso.

Il Ministero consiglia di preferire cibi dal sapore delicato per non turbare il gusto appena sviluppato del bambino. Quando il bimbo avrà iniziato ad accettare questi cibi, potrete iniziare ad introdurre nella sua alimentazione anche:

  • Riso;
  • Mais;
  • Carne (agnello, pollo, manzo);
  • Pesce;
  • Minestrine;
  • Verdure;
  • Brodini.

La carne va somministrata al bimbo in piccole dosi e non va mai aggiunto il sale per non alterare la percezione dei sapori. Anche lo zucchero va evitato in questa fase dello svezzamento. Ricordate di non avere fretta, ogni bambino ha i propri tempi e i propri modi, non tutti seguono le stesse tappe. Cercate di non sgridare immotivatamente il bambino e ricordate che lo svezzamento non è mai immediato.

Armatevi di pazienza e comprensione e vedrete che il vostro bimbo capirà tutti i cibi che gli darete. Così facendo svilupperete il gusto del piccolo e ridurrete drasticamente lo stress da svezzamento, sia per voi che per il vostro bambino. Se avete dubbi, chiedete consiglio al vostro pediatra di fiducia.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons