Loading...

Taglio del perineo: cosa c’è da sapere

taglio-perineoIl taglio del perineo (o più tecnicamente episiotomia) consiste nell’incisione della parte che si trova tra ano e vagina. Il suo obiettivo è quello di rendere il parto più facile, allargando il passaggio e rendendo più difficile per il nostro corpo reagire con contrazioni che ostacolino il passaggio del bebè.

La verità è che però, date le facilitazioni garantite da questo intervento, l’episiotomia viene effettuata con eccessiva disinvoltura da parte di molte strutture mediche, che spesso non mettono al corrente le pazienti dei potenziali pericoli derivanti da questa pratica.

Una scelta del paziente

Il grosso delle mamme che ha subito il taglio del perineo spesso non è stata neanche interpellata, tantomeno informata, sull’operazione. Si tratta di un taglio che avviene in anestesia locale, in pochi secondi, e che è diventato tanto di routine da non essere più neanche assimilato ad una procedura chirurgica.

Questa facilità si riflette poi nell’approccio superficiale che anche tante strutture mediche di prestigio mostrano. La verità è che dovreste essere informate, ed essere voi a decidere se sia il caso di procedere o meno.

Un’episiotomia senza problemi

Il grosso dei tagli al perineo recuperano in poco tempo, grazie a punti di sutura sia interni che esterni. Sarebbe allarmismo da quattro soldi dirvi che le cose spesso non vanno bene. La procedura è compiuta in genere da personale altamente qualificato, e le conseguenze sono minime.

Un’epistomia problematica

episiotomia-rischiosaA volte però il processo di cicatrizzazione non è dei più semplici. Alcune mamme lamentano di aver dovuto aspettare settimane prima di poter tornare ad una vita normale, a sedersi e ad essere attive sessualmente senza provare dolore o fastidio.

Per evitare di essere una di quelle che hanno dovuto sopportare questo supplizio aggiuntivo, è meglio essere informate su come evitare questa procedura.

consultatevi con il personale medico della struttura che avete scelto: se svolgono troppo di frequente e con troppa disinvoltura questa procedura forse è meglio lasciare perdere e cercare un altro ospedale dove dare alla luce il nostro bambino

– allenate il vostro perineo: potete contrarre il muscolo e poi rilasciarlo per diversi minuti al giorno. Aiuterà il vostro perineo ad essere sotto controllo durante il parto.

– massaggiatelo con un olio che aiuta a distendere: ottimi l’olio di mandorla o anche l’olio di oliva. Più la pelle che lo ricopre sarà elastica, più sarà facile evitare l’episiotomia.

– durante il parto cercate di mantenerlo rilassato il più possibile: per fare questo sarà però necessario averlo allenato come ti abbiamo già detto

– aiutate le contrazioni con le spinte, non il contrario: per quanto forte vogliate spingere, è impossibile procurarsi contrazioni. Seguite il vostro corpo e quando sentite le contrazioni spingete, e non il contrario. Manterrà la procedura più naturale e vi aiuterà a partorire il vostro piccolo senza troppi problemi

– la posizione: la posizione tradizionale a pancia in su non è esattamente il meglio che potete scegliere. Meglio sedute, facendovi aiutare dalla forza di gravita.

Nel caso in cui il taglio del perineo si rendesse davvero necessario, non farti prendere dal panico, come ti abbiamo già detto la procedura è tra le più semplici da eseguire in sala parto e nella stragrande maggioranza dei casi non crea alcun tipo di problema.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons