Loading...

Tumore all’ovaio: come riconoscerlo in tempo

OVAIO POLICISTICOIl tumore è ormai diventato la piaga del nostro millennio e può colpire diverse parti del nostro organismo, tra cui, nel caso di una donna, anche l’ovaio. Visto che il tumore può comportare dei rischi non indifferenti per la nostra salute, sarebbe opportuno conoscerne i sintomi, così da poter intervenire tempestivamente.

Ma cosa bisogna fare nel caso di un tumore all’ovaio? Quali sono i sintomi più comuni con i quali si manifesta questa condizione? Ci sono dei modi efficaci per prevenire il tumore all’ovaio? Quali sono gli esami da fare?

In questo articolo risponderemo insieme a tutte le tue domande.

Quali sono i sintomi più comuni del tumore all’ovaio?

Purtroppo il tumore all’ovaio non si manifesta con un quadro ben preciso all’inizio, motivo per cui risulta piuttosto difficile diagnosticare il problema in modo precoce e, quindi, anche intervenire tempestivamente.

Tuttavia, tra i sintomi che fungono come dei veri e propri campanelli d’allarme, abbiamo i seguenti:

  • Aerofagia;
  • La sensazione di dover urinare con frequenza;
  • Gonfiore addominale.

Come puoi notare, si tratta di sintomi piuttosto comuni che possono essere confusi con altre condizioni meno gravi e per questa ragione, spesso, molte donne li sottovalutano.

Cosa bisogna fare se individuiamo questi sintomi?

Se i sintomi di cui abbiamo parlato sopra si manifestano contemporaneamente, o anche in rapida sequenza, è consigliabile contattare il medico per approfondire sulla situazione e scoprire di che cosa si tratta.

Generalmente, per diagnosticare il tumore all’ovaio si effettua un esame pelvico dal ginecologo in cui, lo specialista, farà una palpazione dell’addome. Successivamente andrà ad approfondire con degli esami più specifici per la diagnosi del tumore che sono l’ecografia transvaginale e l’ecografia pelvica.

Ci sono dei modi per prevenire il tumore all’ovaio?

Purtroppo non ci sono delle procedure che possiamo seguire per prevenire il tumore all’ovaio. Certo è che, recarsi periodicamente dal ginecologo per fare una visita di controllo, ridurrebbe i rischi connessi ad una diagnosi tardiva.

Inoltre, per salvaguardare la tua salute, ricordati che è importante chiedere un consiglio al medico qualora tu notassi dei cambiamenti nel tuo organismo, siano essi consistenti oppure no, evitando così delle cure e/o delle diagnosi fai da te.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons