Loading...

Vaccino Meningococco: come funziona, quando e dove farlo

meningococcoLa vaccinazione contro il meningococco è un validissimo aiuto per l’organismo come difesa contro tipi di microorganismi che possono procurare patologie molto gravi.
In alcuni casi venire a contatto con certi tipi di agenti patogeni può avere rischi letali. Quando si parla del vaccino antimeningococco, ci si riferisce ad un tipo di vaccino che salva molte vite ogni anno e previene le epidemie di meningite.Anche grazie alle procedure di controllo della sanità pubblica e dei cittadini, si riesce a tenere sotto controllo le epidemie. Quando ci sono casi sospetti, bisogna segnalare subito all’ospedale il caso, che verrà opportunamente trattato da personale specializzato.

In questo modo il diffondersi del virus e i casi di infezione si sono notevolmente ridotti e per questo non tutti hanno bisogno del vaccino.

Meningococco: chi è a rischio?

Coloro che sono più a rischio di contrarre una meningite meningococcica hanno meno di vent’anni. Durante il corso della prima età adulta, il rischio di contrarre l’infezione diminuisce.

Nel caso abbiate un bambino piccolo, i medici raccomandano il vaccino contro il meningococco già dal quarto mese. Si consiglia il richiamo dopo il primo anno di età. Quando il bimbo ha sorpassato i dieci anni, in genere è sufficiente un solo vaccino come copertura a vita. In questi casi non si consigliano ulteriori richiami.

Vaccino meningococco: come funziona e quali effetti collaterali?

Il vaccino aiuta il sistema immunitario a produrre gli anticorpi necessari per contrastare il batterio. Il vaccino si fa tramite iniezione. Qualche volta dopo la vaccinazione si possono notare alcuni effetti collaterali, la maggior parte delle volte molto lievi, come:

  • Dolore della cute dove è stata fatta l’iniezione;
  • Cute dura sul punto della puntura;
  • Mal di testa;
  • Nausea;
  • Febbre.

Tutti questi effetti collaterali sono facilmente gestibili e il corpo riesce a combattere i piccoli problemi quasi subito. Ovviamente se sapete di essere allergici al medicinale, evitate di vaccinarvi.

Il vaccino si fa in ospedale o nelle ASL, chiedete sempre consiglio al vostro medico che potrà anche prescrivervi l’esame e indicarvi dove e quando farlo. Se siete in zone a rischio, cercate di optare per il vaccino piuttosto che rischiare il contagio.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons