Loading...

Valium: si può usare durante la gravidanza?

ValiumIl Valium è sicuramente uno degli psicofarmaci più famosi e più diffusi al giorno d’oggi. In questo articolo vedremo se una donna in dolce attesa può assumere questo medicinale, concentrandoci sui rischi, anche per quanto riguarda il periodo di allattamento.

Si ricorda, inoltre, che questo farmaco può creare una forte dipendenza e si raccomanda di usarlo solo per periodi di breve durata ed esclusivamente sotto la prescrizione del vostro medico.

Che cos’è il Valium? Quando viene usato?

Il Valium ha iniziato a diffondersi in modo consistente intorno alla fine degli anni sessanta. Si tratta di un farmaco ad azione psicotropa che fa parte delle benzodiazepine, sostanze che aiutano l’individuo quando è affetto da disturbi che compromettono la sua vita sociale e non solo.

La particolarità delle benzodiazepine è quella di riuscire ad aiutare uno specifico neurotrasmettitore del nostro sistema nervoso. Si tratta del neurotrasmettitore GABA che ha la funzione di attenuare naturalmente gli stati d’ansia dell’individuo.

Il Valium ha trovato quindi largo utilizzo per il trattamento di squilibri dell’umore e delle emozioni, come:

  • Stati d’ansia patologica;
  • Disturbo post-traumatico da stress;
  • Attacchi di panico;
  • Aggressività;
  • Irritabilità;
  • Insonnia.

Inoltre, il Valium viene usato anche prima di sottoporsi a determinate procedure chirurgiche per alleviare lo stato di tensione del paziente.

Una donna incinta può assumere il Valium?

Quando una donna incinta sta seguendo una terapia a base di Valium è necessario che avvisi il proprio medico a riguardo in quanto potrebbero presentarsi dei rischi per il bambino.

Se la gestante assume quantità elevate di Valium nel primo trimestre della gravidanza, o nell’ultimo periodo della stessa, i rischi che corre il feto sono i seguenti:

  • Ipotonia;
  • Una certa depressione respiratoria;
  • Ipotermia.

Questi rischi si presentano soprattutto a causa del fatto che il Valium assunto dalla gestante è in grado di attraversare la placenta e, quindi, di raggiungere l’organismo del bambino.

Cosa succede se lo si assume durante il periodo di allattamento?

Allo stesso modo in cui il Valium attraversa la placenta per andare ad influenzare lo sviluppo del piccolo, potrebbe essere trasmesso dalla madre al bambino anche attraverso l’allattamento al seno.

Per questo motivo i medici consigliano fortemente alle madri che hanno intenzione di allattare i propri figli al seno, di sospendere l’assunzione del farmaco durante e dopo la gravidanza

Valium è sicuramente uno degli psicofarmaci più famosi e più diffusi al giorno d’oggi. In questo articolo vedremo se una donna in dolce attesa può assumere questo medicinale, concentrandoci sui rischi, anche per quanto riguarda il periodo di allattamento.

Si ricorda, inoltre, che questo farmaco può creare una forte dipendenza e si raccomanda di usarlo solo per periodi di breve durata ed esclusivamente sotto la prescrizione del vostro medico.

Che cos’è il Valium? Quando viene usato?

Il Valium ha iniziato a diffondersi in modo consistente intorno alla fine degli anni sessanta. Si tratta di un farmaco ad azione psicotropa che fa parte delle benzodiazepine, sostanze che aiutano l’individuo quando è affetto da disturbi che compromettono la sua vita sociale e non solo.

La particolarità delle benzodiazepine è quella di riuscire ad aiutare uno specifico neurotrasmettitore del nostro sistema nervoso. Si tratta del neurotrasmettitore GABA che ha la funzione di attenuare naturalmente gli stati d’ansia dell’individuo.

Il Valium ha trovato quindi largo utilizzo per il trattamento di squilibri dell’umore e delle emozioni, come:

  • Stati d’ansia patologica;
  • Disturbo post-traumatico da stress;
  • Attacchi di panico;
  • Aggressività;
  • Irritabilità;
  • Insonnia.

Inoltre, il Valium viene usato anche prima di sottoporsi a delle determinate procedure chirurgiche per alleviare lo stato di tensione del paziente.

Una donna incinta può assumere il Valium?

Quando una donna incinta sta seguendo una terapia a base di Valium è necessario che avvisi il proprio medico a riguardo in quanto potrebbero presentarsi dei rischi per il bambino.

Se la gestante assume quantità elevate di Valium nel primo trimestre della gravidanza, o nell’ultimo periodo della stessa, i rischi che corre il feto sono i seguenti:

  • Ipotonia;
  • Una certa depressione respiratoria;
  • Ipotermia.

Questi rischi si presentano soprattutto a causa del fatto che il Valium assunto dalla gestante è in grado di attraversare la placenta e, quindi, di raggiungere l’organismo del bambino.

Cosa succede se lo si assume durante il periodo di allattamento?

Allo stesso modo in cui il Valium attraversa la placenta per andare ad influenzare lo sviluppo del piccolo, potrebbe essere trasmesso dalla madre al bambino anche attraverso l’allattamento al seno.

Per questo motivo i medici consigliano fortemente alle madri che hanno intenzione di allattare i propri figli al seno, di sospendere l’assunzione del farmaco durante e dopo la gravidanza.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons