Loading...

Globuli Rossi Bassi in Gravidanza: cause e rimedi

anemiaL’anemia si verifica quando nel corpo c’è una riduzione dell’emoglobina, una proteina globulare. Durante la gravidanza è più probabile che si sviluppi l’anemia, essendo il fisico sottoposto ad uno sforzo notevole. I normali accertamenti prenatali e le analisi del sangue possono individuare l’anemia o scoprire se la paziente è più o meno soggetta a svilupparla.

Sintomi

 Stanchezza, giramenti di testa o emicrania, tachicardia, nervosismo eccessivo, dispnea, scarso appetito e pallore, possono essere i sintomi dell’anemia durante la gravidanza.  Anche unghie e capelli possono risentire dell’anemia, sfibrarsi e spezzarsi facilmente. Bisogna tenere sotto controllo l’anemia in gravidanza che può causare molteplici problemi, come:

  • Infezioni e depressione post parto;
  • Maggiore perdita di sangue durante il parto con conseguente bisogno di trasfusioni;
  • Parto prematuro;
  • Problemi a intestino, fegato e milza.

L’anemia può restare al bambino e nei casi gravi provocare ritardi nella crescita o nello sviluppo.

Diagnosi

I controlli prenatali e le analisi del sangue, analisi che controllano l’ematocrito, le dimensioni dei globuli rossi, individuano tempestivamente l’anemia. Se i valori risultano normali è bene tenere sotto controllo le proprie analisi con cadenza mensile, per evitare che l’anemia insorga in maniera asintomatica. Se i valori sono bassi, non bisogna preoccuparsi prima di parlare col medico, perché si verifichi l’anemia vera e propria bisogna incrociare i valori di più risultati. La sola ferritina bassa non è necessariamente indice di anemia.

Trattamento

Mangiare cibi ricchi di ferro e vitamine può aiutare a sconfiggere l’anemia. Anche assumere pasticche di ferro o di acido folico può debellare l’anemia. I cibi con maggior contenuto di vitamine, ferro e acido folico sono:

  • Carne e pesce (cotti);
  • Legumi, cereali, verdure (carciofi, bietole);
  • Formaggi;
  • Uova;
  • Frutta (agrumi, kiwi).

La vitamina C e l’acido folico aiutano ad assimilare il ferro più velocemente, anche la somministrazione di alcune vitamine consigliate dal medico può aiutare l’organismo a riprendersi dall’anemia. È consigliabile assumere i farmaci per via orale appena dopo i pasti per aiutare il corpo ad assimilarli. In casi molto gravi può essere necessaria una trasfusione o delle flebo di ferro.

Anemia in gravidanza: prevenzione

Come al solito la buona alimentazione è l’unico modo per evitare l’anemia in caso di gravidanza. Come già evidenziato in precedenza, mangiare cibi con alto contenuto di ferro, vitamine e acido folico può allontanare il rischio di anemia.

Per aumentare le difese e abbassare il rischio di un’anemia in gravidanza, il medico potrebbe prescrivere vitamine, acido folico e ferro per via orale. Seguire una dieta e uno stile di vita sano aiuteranno il vostro corpo e il vostro bambino a superare le difficoltà della gravidanza.

Non sono solo i globuli rossi a poter creare problemi: per sapere di più sui globuli bianchi, seguite la nostra guida qui.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons