Loading...

Come e Quando Svezzare un Neonato: i nostri Consigli

svezzamentoLo svezzamento segna una tappa fondamentale nella vita di un bambino. Si tratta del passaggio ai primi cibi solidi o semi-solidi, con tutti gli adeguamenti a livello biologico che questo passaggio comporta.

Si tratta, ripetiamo, di un processo fondamentale, che segna un momento di crescita non solo per il bebè, ma anche per la mamma.

Vediamo insieme come e quando farlo.

Il limite dei 6 mesi

Secondo le linee guide dell’Organizzazione Mondiale della Sanità in fatto di maternità e allattamento, l’alimentazione al seno dovrebbe essere mantenuta fino a circa il sesto mese di età del piccolo. Si tratta di una data piuttosto netta però, che mal si sposa con i ritmi biologici, che difficilmente riescono ad essere così perentori.

Intorno a questa soglia, sarà solo la mamma a riuscire a capire se il proprio piccolo è veramente in grado di cominciare a consumare qualche pappetta oppure se sia il caso di procrastinare ancora per qualche settimana.

A questo scopo, però, va sottolineato il fatto che il bambino deve essere anche un po’ spinto, a volte, per evitare che quello dell’allattamento diventi una scusa per rimanere attaccati alla mamma, piuttosto che un vero momento dedicato all’alimentazione.

Istinto sì, ma anche polso fermo per bloccare la pigrizia del nostro piccolo.

Con cosa cominciare?

Innanzitutto non si deve immediatamente tagliare l’allattamento, ma piuttosto abbinare al latte materno i primi cibi solidi e semi-solidi.

Si può scegliere una grande varietà di cibi, sempre preparati a pappa, che consentiranno allo stomaco e all’apparato digerente del nostro piccolo di abituarsi, lentamente, ai primi cibi che non siano completamente liquidi.

Possiamo pensare di utilizzare:

  • Pappe preparate con verdure e tuberi ben passati: patate e carote sono sicuramente i più indicati;
  • Mix di frutta, sempre tritata, come banana, pera, mela;
  • Creme di riso aggiunte al latte, in soluzione già pronta.

Per quanto riguarda invece i carboidrati, ci sarà da aspettare qualche settimana in più, dato che dovrebbero essere introdotti solamente a partire dall’ottavo mese. Pastina, mais, riso, tapioca, sono ingredienti che devono essere somministrati con parsimonia e aspettando i tempi giusti.

Lo stesso vale per le proteine: agnello, montone, pollo, manzo e maiale sono piuttosto difficili da digerire per il piccolo e giovane stomaco del nostro bebè. Meglio aspettare fino al nono mese.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Mammaperfetta.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons